Le donne cambiano la storia, cambiamo i libri di storia

20 ottobre 2012

Lì Africa è una bomba demografica. Che fare ?

Secondo il Fondo delle Nazioni Unite per la popolazione, l'Africa ospita attualmente un settimo della popolazione mondiale, cioè poco più di un miliardo di persone. Ma durante il resto del secolo, solo in questo continente si aggiungerà un extra di 2,6 miliardi di persone, più che triplicando la popolazione, mentre il resto del mondo aumenterà solo di  mezzo miliardo in più.Se non fosse per il boom della popolazione africana, la popolazione mondiale non avrebbe mai superato i 7,5 miliardi. Che è ancora probabilmente il doppio delle persone che il pianeta potrebbe sostenere comodamente per più di un paio di generazioni rispetto alle risorse del pianeta. Eppure i tassi di natalità sono in calo al di sotto del livello di sostituzione nella maggior parte dei luoghi.
Se ciò accadesse anche in Africa, la popolazione mondiale potrebbe essere stabilizzata ben prima  del 2100.
Però questo in Africa sta accadendo solo in modo parziale e non abbastanza rapidamente. E l'ONU non riesce ad azzardare alcuna previsione del futuro con gli
attuali tassi indefiniti di natalità. Si presuppone che per il continente africano l'attuale tasso di fertilità medio di 4,6 figli per donna scenderà a solo tre figli per donna entro il 2045, anche se alcuni paesi - Niger, Mali e Uganda, per esempio - continueranno ad avere tassi di natalità più elevati.Il problema è che il livello di sostituzione è di 2,2 figli per donna. L'Africa potrebbe raggiungere quel livello alla fine del secolo, ma la crescita della popolazione continuerà per ulteriori anni 30-40 fino a quando l'ultima generazione dei giorni di baby boom sarà cresciuta e avrà avuto i suoi propri 2,2 bambini per famiglia. Quindi una popolazione africana totale di 3,6 miliardi entro la fine del secolo - un terzo del genere umano - sarebbe probabilmente una previsione auspicabile e più ottimistica.Ma se i tassi di natalità africani non scendono rapidamente, potrebbe essere molto peggio.
Se l'attuale tasso di crescita della popolazione africana persisterà, avremmo un totale globale di 15 miliardi di persone entro la fine del secolo, con circa la metà di esse ammassati all'interno di questo solo continente.
E facendo una ipotesi ottimistica ci saranno "solamente" 10 miliardi di persone nel resto del mondo.
Quale potrebbe essere l'impatto determinante del boom della popolazione africana per il resto del mondo, e per l'Africa stessa?
Può essere un impatto disastroso, incredibilmente e fortemente autodistruttivo.
Un' Africa che aumenta di più di tre volte la sua popolazione durante il resto di questo secolo significherà sicuramente che rimarrà fino alla fine di esso il continente più povero del mondo. Anche l'attuale miglioramento dei tassi di crescita economica in molti paesi africani sarà in gran parte vanificato dall'aumento della popolazione, pur se in alcuni paesi si stanno vedendo aumenti significativi in termini di reddito pro capite.Se gli africani rimarranno poveri il loro impatto sul resto del mondo sarà lieve.
Essi non diventeranno grandi consumatori di risorse provenienti dall'esterno, perché non se le potranno permettere.
Il loro impatto sull'ambiente globale, anche se non trascurabile, sarà molto limitato.
Solo le popolazioni ad
alto reddito, consumatori di energia, manufatti e prodotti alimentari trasformati sono quelli che realmente incidono quando si tratta di questioni globali come il cambiamento climatico.Trecento milioni di americani hanno più effetto sull'ambiente globale  di quello che potrebbero avere 3.000.000.000 di africani che vivono più o meno nel loro stile attuale.
Le agricolture di sussistenza per lo più influenzano l'ambiente locale, anche quando sono a grande densità demografica e diffuse.
Se degradano la loro terra, inquinano i fiumi e distruggono le loro foreste, il danno che fanno è per lo più- a se stessi.
E gli abitanti dei quartieri poveri urbani producono danni ancor meno incisivi per l'ambiente globale.
Ma se non succede un miracolo, il continente africano sta per avere
in questo secolo un periodo difficilissimo. E 'già l'unico continente a sperimentare ricorrenti carestie, e saranno probabilmente sempre peggiori. Le guerre civili e massacri sono già più frequenti in Africa che altrove, e vanno a peggiorare, perché la gente sotto una forte pressione raramente si comporta bene.Che cosa si può fare, in pratica, su questa questione?
In questa situazione
anche una grande spinta per diffondere la contraccezione, per metterla a disposizione dei 100 milioni di donne africane che ora non hanno facile accesso ad essa, non modifica sostanzialmente il risultato.
Solo una
politica del figlio unico, brutalmente forzata, come quella operata in Cina, avrebbe potuto realizzarla ed è semplicemente impossibile credere che una politica del genere potrebbe essere attuata in un qualsiasi stato africano.Gli Africani non hanno fatto nulla di male, il loro tasso di natalità non è davvero più elevato di quelli di altri continenti in tempi passati. Ma c'è  a disposizione solo un tempo limitato per ottenere che il tasso di natalità  si abbassi: la modernizzazione nella medicina  e i servizi igienico-sanitari hanno portato ad abbassare il tasso di mortalità. Per varie ragioni, nessuna delle quali attribuibile a loro, gli Africani sono rimasti poveri per troppo tempo.
I singoli paesi dell'Africa possono ancora salvare se stessi, volendo, ma il continente intero
nel suo insieme probabilmente non riuscirà a salvarsi.


 TROPPO GIOVANE  PER ESSERE SPOSA

Il 15 ottobre è stata la Giornata dedicata dall'ONU ai diritti delle bambine e giovani ragazze, le fanciulle minorenni, cioè.

Anche combattere la tradizione delle spose bambine, delle mutilazioni genitali femminili,  e  promuovere l'istruzione per le ragazze a tutti i livelli e in ogni luogo, sono per l'ONU veicoli indispensabili per promuovere la maternità scelta e non imposta, la prevenzione dell'AIDS e  l'accesso alla contraccezione per tutte le donne africane e non solo.

Alba Montori

Nessun commento: