Le donne cambiano la storia, cambiamo i libri di storia

14 febbraio 2020

italialaica news n.03/2020

.it

Il sito dei laici italiani vi segnala:









Eventi





e molto altro ancora su: italialaica.it  sito dei laici italiani

28 gennaio 2020

Memoriale dell'Olocausto: come il triangolo rosa è diventato un simbolo dei diritti dei gay


Mentre il mondo celebra la Giornata commemorativa dell'Olocausto  il 27 gennaio, assieme a PinkNews voglio  ricordare tutte le persone  della comunità LGBT + perseguitati dai nazisti e ricordare anche come il triangolo rosa, usato per identificare gli uomini gay o bisessuali nei campi di concentramento, è diventato un simbolo per diritti dei gay.

Quando Adolf Hitler e il suo partito nazista presero il potere in Germania nel luglio del 1933, la dittatura si mosse per perseguitare e uccidere gruppi minoritari, tra cui ebrei, LGBT +, i rom e prigionieri politici.
A partire dal 1933, i nazisti costruirono una rete di campi di concentramento in tutta la Germania, dove furono arrestati gruppi "indesiderabili", tra cui ebrei e omosessuali.
Questa persecuzione continuò dopo lo scoppio della seconda guerra mondiale nel 1939 e, tra il 1941 e il 1945, il Partito nazista uccise sistematicamente sei milioni di ebrei europei, nell'ambito di un piano noto come "La soluzione finale al problema ebraico", nei campi di sterminio e sparatorie di massa. 
Questo genocidio è chiamato Olocausto o Shoah in ebraico.

In totale, fino a 17 milioni di persone, tra cui migliaia di uomini gay e bisessuali, furono sistematicamente uccisi per mano dei nazisti.
Il 27 gennaio di ogni anno si celebra il Memoriale dell'Olocausto - in occasione dell'anniversario della liberazione di Auschwitz-Birkenau, il più grande campo di sterminio nazista - e ricorda i milioni di persone uccise dai nazisti e nei successivi stermini di massa in Cambogia, Ruanda, Bosnia e Darfur.

Memoriale dell'Olocausto: persecuzione nazista di uomini gay e comunità LGBT +
Sotto il dominio nazista, la persecuzione degli uomini omosessuali si intensificò, sebbene il sesso gay tra uomini fosse già illegale dal 1871.

Secondo le ricerche dello storico Rüdiger Lautmann, i nazisti hanno incarcerato più di 50.000 uomini gay, tra cui circa 5.000 e 15.000 uomini che sono stati mandati nei campi di concentramento.

Sebbene il sesso tra donne non fosse ufficialmente illegale nella Germania nazista, anche le lesbiche furono perseguitate. Benno Gammerl, docente di Storia queer presso Goldsmiths, Università di Londra, dice a PinkNews che la persecuzione delle lesbiche è "molto più difficile da rintracciare" perché non erano incluse nel codice penale e non vi era una categorizzazione specifica delle donne omosessuali in concentrazione campi (anche se alcuni sono stati fatti indossare un distintivo a triangolo nero usato per indicare i prigionieri "asociali").

Anche le persone trans sono note per essere state perseguitate sotto i nazisti, incluso essere mandate nei campi di concentramento. Secondo Transgender Day of Remembrance, nel 1938 l'Istituto di medicina legale raccomandò che i "fenomeni del travestitismo" fossero "sterminati dalla vita pubblica".

Ancora una volta, Gammerl riconosce che ci sono state richieste di ulteriori ricerche sulla situazione delle persone trans sotto i nazisti, dicendo: "Al momento, semplicemente [non] sappiamo ancora abbastanza".

Memoriale dell'Olocausto: il triangolo rosa nei campi di concentramento nazisti
Nei campi di concentramento nazisti, un triangolo rosa è stato utilizzato per identificare alcuni uomini gay. Gammerl, che descrive il triangolo rosa come una "invenzione nazista", afferma che "non è del tutto chiaro" perché i nazisti usassero il colore rosa per questo scopo.

Nei campi di concentramento, i detenuti LGBT + sono stati sottoposti a fame e lavoro forzato, oltre a subire discriminazioni da parte sia delle guardie delle SS che degli altri detenuti.

Pierre Seel, un sopravvissuto gay del campo di concentramento di Schirmeck-Vorbrück vicino a Strasburgo, scomparso nel 2005, ha ricordato un incidente traumatizzante nella sua memoria. Seel ha scritto che un gruppo di guardie delle SS ha spogliato il suo amante di 18 anni nudo prima di rilasciare un branco di cani da pastore tedesco che lo ha ucciso a morte.

“Non c'era solidarietà per i prigionieri omosessuali; appartenevano alla casta più bassa ”, scrisse Seel nel suo libro del 1995 I, Pierre Seel, Deported Homosexual: A Memoir of Nazi Terror.

"Gli altri prigionieri, anche se tra di loro, li prendevano di mira."

I gay sono stati anche sottoposti a torture, inclusa la sodomia forzata usando il legno, e alla sperimentazione umana per mano dei nazisti. Ci sono registrazioni di uomini gay costretti a dormire con schiave sessuali femminili e di lesbiche che si esibiscono in atti sessuali su maschi, come una forma di terapia di conversione gay

“Non c'era solidarietà per i prigionieri omosessuali; appartenevano alla casta più bassa. "
dichiara Pierre Seel, un sopravvissuto gay di un campo di concentramento nazista

Tuttavia, Gammerl sostiene che, sebbene "ci siano prove che gli omosessuali hanno ricevuto un trattamento peggiore", i dati disponibili rendono difficile affermare con certezza che le persone omosessuali sono state costantemente trattate peggio degli altri detenuti.

"È difficile avanzare affermazioni definitive sul fatto che gli omosessuali si trovino proprio al" fondo "della gerarchia del campo", afferma.

“Tutti i detenuti vivevano sotto la permanente minaccia di essere picchiati, violentati o uccisi dalle guardie e c'era anche violenza tra i detenuti, alcuni dei quali erano certamente anche omofobi.

"Quindi, direi, tutti i detenuti hanno vissuto vite orrende ben oltre ciò che posso immaginare."

Sottolinea che, dato che gli ebrei popolavano prevalentemente i campi di concentramento, "non si può certo affermare che gli omosessuali siano stati trattati peggio di loro".

"Tutti i detenuti vivevano sotto la permanente minaccia di essere picchiati, violentati o uccisi dalle guardie e c'erano anche violenze tra i detenuti, alcune delle quali erano certamente anche omofobe".  afferma Benno Gammerl, docente di Storia queer presso Goldsmiths University di Londra

Si ritiene che migliaia di persone LGBT + siano state assassinate dai nazisti. Tuttavia, la scarsa documentazione dei nazisti sulle persone LGBT + significa che gli storici non sono stati in grado di calcolare una stima esatta. Lautmann ha sostenuto che il tasso di mortalità per gli uomini gay potrebbe raggiungere il 60% di quelli detenuti nei campi di concentramento.

Gammerl sottolinea inoltre che alcune persone ebree e rom uccise dai nazisti potrebbero anche esser stati identificati in una minoranza sessuale o di genere.

“Quando si parla di numeri, è importante tenere presente che una parte delle persone perseguitate come ebrei, comunisti, sinti e rom o come membri di altri gruppi inviati dai nazisti nei campi di concentramento, che un certo numero di queste persone potrebbe anche essere stato LGBT + ", aggiunge.

Memoriale dell'Olocausto: uomini gay dopo la seconda guerra mondiale e come il triangolo rosa è stato rivendicato come simbolo dei diritti dei gay

Dopo la fine della seconda guerra mondiale, la persecuzione degli uomini gay e bisessuali è continuata. L'attività sessuale tra persone dello stesso sesso è rimasta illegale nella Germania orientale e occidentale fino al 1968 e 1969 rispettivamente. ( e depenalizzata totalmente solo nel 1994 dopo la riunificazione tedesca)

Gammerl osserva che, mentre le autorità della Germania orientale erano "più indulgenti" nei confronti degli omosessuali dopo la seconda guerra mondiale, la persecuzione degli omosessuali nella Germania occidentale fu "piuttosto intensa" nei decenni successivi con "grandi ondate" di arresti in città come Francoforte .
"Gli uomini e le donne desiderosi dello stesso sesso hanno dovuto assicurarsi  di vivere le loro vite non troppo pubblicamente e per gli uomini c'era la paura permanente di essere mandati in prigione", spiega
Ci sono anche resoconti su uomini gay che sono stati nuovamente imprigionati usando prove ottenute dai nazisti. Per decenni dopo la seconda guerra mondiale, il trattamento da parte dei nazisti delle persone LGBT + non è stato riconosciuto in molti paesi.

Si è dovuto attendere fino al 2002 prima che il governo tedesco si scusasse con la comunità gay e annullasse la documentazione relativa ad uomini gay e bisessuali schedati sotto il regime nazista. Nel 2005 il Parlamento europeo ha approvato una risoluzione che include omosessuali come parte delle persone perseguitate durante l'Olocausto.

In modo toccante, quando il movimento per i diritti degli omosessuali ottenne slancio nella Germania occidentale negli anni '70, il triangolo rosa iniziò ad essere usato come simbolo per segnare la storia della violenza anti-gay.

In un atto di sfida, il triangolo rosa è stato recuperato - e spesso invertito, con la punta rivolta verso l'alto - come segno di attivismo gay. 
È diventato noto su scala internazionale negli anni '80, quando un collettivo di sei persone, chiamato Silence = Death Project, ha usato una versione invertita del triangolo sui poster che il gruppo ha intonacato intorno a New York per sensibilizzare sulla crisi dell'AIDS.

Il triangolo rosa rivolto verso l'alto è stato successivamente utilizzato dalla Coalizione dell'AIDS per scatenare il potere (ACT UP) nelle sue campagne durante l'epidemia di AIDS. 

È stato anche usato nei memoriali per ricordare le vittime LGBT + dell'Olocausto a San Francisco, Amsterdam e Sydney.

18 novembre 2019

I pini di Fabrica di Roma chiedono aiuto !



Si smetta la pratica di abbattere e distruggere brutalmente le belle e antiche piante di Pino anziché curarle e potarle!
Ricordo che con le loro aghifoglie sempreverdi contribuiscono anche in inverno a rinnovare l'ossigeno nell'area storica  centrale del Comune di Fabrica di Roma.
L'ambiente, anche quello urbano, va protetto, non distrutto, e gli alberi ne fanno parte integrante e indispensabile, poiché sono quello che trasforma la CO2 che produciamo nell'ossigeno che respiriamo.
Il Pino Romano è una nobile essenza e va trattata con rispetto. 
Anticamente le coste dell'Italia erano coperte di estese foreste di questi alberi maestosi e sempreverdi dalla chioma a ombrello e contribuivano a ombreggiare, ma sopratutto a ossigenare ed imbalsamare col loro profumo le aree spesso insalubri delle maremme.  Essi intrecciano i loro rami per proteggersi e sostenersi dalle terribili tempeste di vento tipiche nell'area Mediterranea specie nel periodo autunnale. 
Per aver capire che quelle tempeste non sono solo di oggi ricordate cosa capitò a Ulisse nel Mediterraneo e nel Tirreno mentre cercava di tornare a casa sua dopo la vittoria su Troia...
Ma i pini vanno lasciati liberi di espandersi e di intrecciare le loro chiome in orizzontale, di crescere vicini, di proteggersi tra loro per riuscire a proteggere il territorio su cui vivono. Sono alberi forti e solidali: possono dover sacrificare qualche ramo alla tempesta, ma così evitano generalmente di essere sradicati  e continuare a fare scudo a ciò che è sotto e dietro; le loro chiome offrono alloggio e cibo a passerotti, usignoli e pettirossi, che ci allietano col loro canto.
Perciò se un uragano strappa un ramo di uno di questi alberi occorre una potatura non certo tagliarlo a zero assieme a tutti gli alberi accanto! 
I cittadini  che hanno a cuore il loro ambiente e il loro storico paesaggio urbano dicono basta alla distruzione radicale e violenta dei pini di Fabrica !
Firmate e diffondete la petizione
https://www.change.org/p/sergio-costa-salviamo-i-pini-di-fabrica-77e96f8c-dd47-4951-a32f-7f40302a0d13


I precedenti..

Dopo l'otto marzo viene il nove...
https://alba-alba.blogspot.com/2012/03/dopo-lotto-marzo-viene-il-nove.html

Segnalazione taglio alberi a Italia Nostra
https://albamontori.blogspot.com/2013/11/segnalazione-taglio-alberi-italia-nostra.html

ACCADE A FABRICA DI ROMA ...
https://albamontori.blogspot.com/2012/03/video-che-mostrano-lo-scempio-di.html

Per mettere in sicurezza un ramo si tagli l'albero dalla base ?????
https://albamontori.blogspot.com/2013/11/per-mettere-in-sicurezza-un-ramo-si.html