Le donne cambiano la storia, cambiamo i libri di storia

15 gennaio 2019

Associazione Luca Coscioni - Abbiamo incontrato il Presidente Conte

Continua la nostra opera di pressione sulle istituzioni per dare completa attuazione alla legge sul Biotestamento. Lunedì abbiamo incontrato il Presidente del Consiglio strappandogli qualche promessa.
Abbiamo incontrato il Presidente Conte: ecco cosa ci siamo detti

FIlomena Gallo

Filomena Gallo - Lunedì 7 gennaio, insieme a Marco Cappato, tesoriere dell'Associazione Luca Coscioni e Marco Perduca, comitato Science for Democracy, abbiamo incontrato il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte. Nell'ora dedicata alle varie iniziative dell'Associazione, abbiamo discusso degli adempimenti che ricadono sul Presidente del Consiglio a seguito dell'ordinanza della Corte costituzionale n.207/2018 e in considerazione del sollecito della Consulta al legislatore affinché letutele costituzionali in materia di scelte della persona malata - capace di intendere e con gravi sofferenze dovute a patologia irreversibile- siano rispettate.
Sono stati affrontati temi come la libertà della ricerca scientifica, con particolare attenzione alla ricerca sulle cellule staminali da embrioni e per le malattie rare, al diritto dei malati a beneficiare dei risultati della ricerca scientifica e alle principali battaglie sui diritti civili, dalla legalizzazione dell’eutanasia allo smantellamento degli ultimi divieti della legge 40.
Il Presidente Conte ci ha confermato, come già fece la Ministra della Salute Giulia Grillo a luglio, che lemisure in adempimento della legge sulle disposizioni anticipate di trattamento (DAT) sono in arrivo a breve, ricordando come nella legge di bilancio sia previsto un finanziamento di ulteriori 400mila euro l'anno per la creazione di una Banca dati nazionale.
Conte ha anche mostrato un fattivo interesse in merito alla proposta dell'organizzazione della sesta sessione del Congresso Mondiale per la Libertà di Ricerca scientifica che l'Associazione Luca Coscioni e Science for Democracy intendono convocare entro un anno in Etiopia.

Approfondimenti
 
vaccini
Vaccini, la lettera di 130 scienziati per una corretta informazione in materia
Tra i firmatari della lettera, vi sono anche quattro dirigenti di primo piano dell’Associazione Luca Coscioni: il co Presidente Michele De Luca e i consiglieri generali Gilberto Corbellini, Giulio Cossu e Guido Silvestri. Leggi >
 
cannabis
Retromarcia di Trump sulla cannabis
Il 20 dicembre, la Food and Drug Administration ha annunciato che prenderà in considerazione la possibilità di regolamentare in maniera più favorevole la produzione di cannabis.Leggi >

 
bomba demografica
Bomba demografica: 1 milione di euro dalla Lombardia all’AfricaPer governare le questioni immigrazione, ecologia e autodeterminazione della donna, la priorità assoluta è aiutare le donne africane a poter decidere liberamente se, come e quando fare figli.Leggi >

 
cop24
Cos’è successo alla COP24 sul clima?

Si è conclusa a Katowice, in Polonia, la seconda conferenza sul clima per partecipazioni dopo gli accordi di Parigi nel 2015. Leggi >
FacebookTwitterGoogle+LinkedIn

La legalizzazione della cannabis riparte dal Senato della Repubblica?

Image
FacebookTwitterInstagramWeb Site
Image
Presentato in Senato la prima proposta di legge per la legalizzazione della cannabis
Il senatore del M5S Matteo Mantero, che ha dato il nome alle legge sul "testamento biologico" ha presentato in Senato una proposta sulla legalizzazione della cannabis il 9 gennaio.

Il testo parte da quello preparato nella scorsa legislatura,dall'intergruppo parlamentare e prevede la legalizzazione della coltivazione, la lavorazione e la vendita della cannabis e dei suoi derivati.

"Oggi ci troviamo di fronte ad una situazione nella quale le organizzazioni criminali controllano la produzione la trasformazione e la vendita di ogni tipo di sostanza proibita, i trasformatori e gli intermediari" ha dichiarato a Repubblica Mantero.

La stessa Direzione nazionale antimafia nel 2016 e nel 2017 si è detta "favorevole alla legalizzazione prendendo atto sulla base di numeri, fatti, indagini e processi in nostro possesso del fallimento delle politiche proibizioniste".
FacebookTwitterGoogle+LinkedIn
Image
Dopo Legge Mantero si riprenda iter legalizzazione e ricostituisca l'intergruppo parlamentare
"Il 16 novembre 2016, l'Associazione Luca Coscioni e Radicali Italiani hanno depositato alla Camera dei Deputati 68mila firme in calce a una proposta di legge d'iniziativa popolare sostenuta da decine di organizzazioni che propone la regolamentazione della produzione consumo e commercio della cannabis e dei suoi derivati anche per fini non medico-scientifici".
 
Scrive Marco Perduca che per l'Associazione Luca Coscioni ha coordinato la campagna Legalizziamo.it "Il testo sottoscritto da migliaia di italiani va oltre le ottime proposte della scorsa legislatura oggi ripresentate dal Senatore Matteo Mantero arrivando a depenalizzare totalmente l'uso e la detenzione di tutte le sostanze proibite creando un meccanismo che automaticamente vuoterebbe le carceri di coloro che attualmente sono detenuti per violazione del Testo Unico sulle droghe del 1990 e che contribuiscono a far dell'Italia un sorvegliato speciale del Consiglio d'Europa per via dei trattamenti inumani e degradanti inflitti ai detenuti nel nostro paese".
 
La proposta di legge d'iniziativa popolare rafforza inoltre "l'accesso terapeutico alla cannabis e liberalizza la coltivazione domestica per fini di consumo personale o sociale". La dichiarazione di Marco Perduca è qui.
FacebookTwitterGoogle+LinkedIn
Image
Cannabis, sanzioni penali e amministrative
Ecco le domande più frequenti relative alle sanzioni penali e amministrative per gli utilizzatori di cannabis tratte dalla guida “I DIRITTI DEL CONSUMATORE DI CANNABIS” della serie Know Your Rights realizzata da CILD – COALIZIONE ITALIANA LIBERTÀ E DIRITTI CIVILI dal sito FuoriLuogo.it.
FacebookTwitterGoogle+LinkedIn
Image
Non Solo Skunk
In questa puntata si guarda a quel che l'anno appena iniziatoporterà relativamente alle cosiddette droghe
FacebookTwitterGoogle+LinkedIn
Image
Processo al El Chapo
Il sito dell'ADUC sta seguendo le udienze del processo contro Joaquín Guzmán che in questi giorni entra nella fase finale grazie alle testimonianze dei collaboratori sotto protezione che rivelano la filosofia di El Chapo come il principale manager dell'impresa criminale. Si parla di tangenti ai poliziotti, di spedizioni di droga o delle battaglie per le piazze. Così l'accusa cerca di sostenere la prima accusa penale, punita con l'ergastolo. Qui tutte le "puntate" del processo seguito da ADUC.
FacebookTwitterGoogle+LinkedIn
La rubrica di Radio Radicale
Notiziario antiproibizionista
a cura di Roberto Spagnoli
►Ascolta l'ultima puntata
Newletter Antiproibizionista a cura di:
Associazione Luca Coscioni 
con la collaborazione di: 
Radio RadicaleFaiNotizia"Non Solo Skunk"StoptheDrugWar.org
Responsabile: Marco Perduca
Impaginazione e distribuzione: Alessandro De Luca
 
Questa newsletter è interamente autofinanziata grazie a donazioni individuali