Le donne cambiano la storia, cambiamo i libri di storia

21 maggio 2008

Il deserto ci può fornire l'energia

Il sole del deserto potrebbe sopperire alle nostre future necessità di energia La relazione provvisoria della commissione parlamentare temporanea sul cambiamento climatico conferma che le prove scientifiche del cambiamento climatico sono innegabili.
Graham Watson (LibDem, Regno Unito), presidente dell' ADLE, vuole che l' Europa faccia seguire i fatti alle parole:
" Il fatto non di agire ora significa che l' umanità corre verso un punto di non ritorno. Ciò che l' Europa deve fare è intensificare i suoi sforzi per promuovere un'energia propria.
Sviluppare la potenza del sole del deserto potrebbe così accelerare il processo di riduzione delle emissioni di CO2 repentinamente."
Utilizzando meno dello 0.3% delle regioni desertiche, le centrali termiche solari del Medio Oriente e dell' Africa del Nord possono infatti produrre abbastanza elettricità ad alta tensione per dissalare l' acqua di mare e così soddisfare la domanda europea attuale e probabilmente futura per il Medio Oriente e l' Africa del Nord.
Questa tecnologia è già utilizzata in California. " Tali centrali che potrebbero ricevere fondi europei sono attualmente costruite in Marocco ed in Spagna. In questo modo potremmo uscire totalmente dal petrolio migliorando anche l' occupazione e fornendo acqua potabile ed una migliore infrastruttura a quelli che subiscono la scossa del cambiamento climatico. Ciò potrebbe essere il primo progetto per la nuova Unione mediterranea."
Il vicepresidente della commissione temporanea del PE sul cambiamento climatico Vittorio PRODI (italie, Partito démocratico) ha aggiunto: " Il Parlamento riconosce formalmente che il cambiamento climatico è innegabile e mostra aspetti allrmanti. Uscire da questo scenario catastrofico e proporre un piano d' azione concreto deve urgentemente diventare il nostro compito come parlamentari."

Nessun commento: