Le donne cambiano la storia, cambiamo i libri di storia

16 aprile 2016

Roma 23/24 aprile 2016 - assemblea degli iscritti al partito radicale

Image
Partito Radicale Nonviolento
transnazionale e transpartito
con statuto consultivo presso il Consiglio economico e sociale (Ecosoc) delle Nazioni Unite
Via di Torre Argentina 76 - 00186 Roma


abbiamo deciso di convocare un’Assemblea degli iscritti al Partito Radicale per sabato 23 e domenica 24 aprile a Roma, presso la sede di Via di Torre Argentina 76, a partire dalle ore 12 di sabato e che proseguirà fino al tardo pomeriggio di domenica.

Avremo di che discutere, a partire dal documento intitolato “Per il Partito Radicale dello Stato di Diritto e dei Diritti Umani che oltre 100 iscritti al Partito Radicale hanno firmato e reso pubblico da L’Unità il 3 aprile scorso e che costituisce parte integrante di questa convocazione.

Con questo documento, militanti storici e dirigenti di soggetti costituenti del Partito Radicale hanno voluto confermare l’analisi sulla realtà del regime italiano, nota e denunciata da decenni e ancora ribadita da Rita Bernardini nella sua lettera di convocazione dell’ultimo congresso di Radicali Italiani. Analisi che, in ambito radicale, in taluni casi è data per scontata, in altri è considerata eccessiva e, in ogni caso, ritenuta un’ossessione solo pannelliana, insopportabile come un disco rotto che inceppa il pennino sulla stessa traccia e fa ripetere lo stesso brano.

Non è solo un problema di informazione o di comunicazione politica, è un problema di Democrazia e di Stato di Diritto, che sono negati nel nostro Paese, dove tutto – persino nei momenti fondamentali della vita democratica, dall’amministrazione della giustizia alla competizione elettorale – continua a svolgersi in questo ultradecennale e sempre più aggravato contesto.

L’unico modo serio e nonviolento di onorare le prossime scadenze elettorali di una nostra “presenza” è quello di continuare a perseguire – a partire dall’Italia, ma non solo in Italia – l’obiettivo della transizione verso lo Stato di Diritto contro la Ragion di Stato, attraverso l’affermazione del Diritto umano alla Conoscenza, che è innanzitutto conoscenza di quel che il Potere fa per conto dei cittadini in nome dei quali governa.

In Italia, la priorità politica, civile e democratica è quella di continuare a denunciare la serie infinita di violazioni contro Stato di Diritto e Diritti Umani, principi e obblighi della Costituzione italiana e dei Patti e delle Convenzioni internazionali che sono non solamente prevalenti ma anche formalmente integrati nella Costituzione stessa, per interrompere e superare questa situazione da “regime di democrazia reale” che caratterizza oggi l’Italia contro la Democrazia e lo Stato di Diritto formalmente vigente.

Quel che (ci) proponiamo è continuare ad affermare e rivendicare l’alterità radicale, visione, progetto, metodi e obiettivi costitutivi del Partito Radicale; per dirla in poche parole: un modo d’essere, quale emerge dai principi per noi immutati e sempre più attuali fissati nel Preambolo al suo Statuto.

L’alterità radicale, certo, ha un prezzo, ma noi riteniamo sia equo pagarlo per continuare a praticarla, senza calcoli o cedimenti né alla ragion di stato né a quella di partito (elettorale poi!), come farebbero tutti gli altri.

E' quanto ci ha sempre indicato Marco e continua a chiederci anche in queste ore difficili della sua vita: essere diversi ed “essere speranza, contro l’avere speranza” per continuare a concepire un nuovo possibile.

L’Assemblea del 23 e 24 aprile è aperta a tutti, ma il nostro augurio è che tu partecipi, preannunciandocelo, anche da iscritto al Partito Radicale per il 2016.

Ne abbiamo bisogno tutti. Un caro saluto,


Maurizio Turco
Tesoriere del Partito Radicale


N. B. Se sei intenzionato a partecipare all’Assemblea, ti preghiamo di comunicarcelo il più presto possibile rispondendo a questa mail. Se vieni da fuori Roma, ti consigliamo di prenotare in tempo viaggio e soggiorno, essendo giorni festivi e Roma è piena di turisti.
 
* * * *
Ci si può iscrivere al Partito radicale (almeno 200 euro l'anno) o a tutti i soggetti radicali (almeno 590 euro l'anno)
  • con carta di credito telefonare allo 0668979300 o collegandosi al sitowww.partitoradicale.org
  • Con conto corrente postale n. 44855005 intestato a Partito Radicale
  • Con bonifico bancario  intestato a Partito Radicale IBANIT56E0832703221000000002381

Nessun commento: