Le donne cambiano la storia, cambiamo i libri di storia

22 febbraio 2015

EsquiliNotizie del 13 febbraio 2015

Anno V – numero 94 esquilinonotizie@gmail.com

www.esquilinotizie.org

  Care amiche e cari amici dell’Esquilino,

mentre sale l’attenzione attorno ai numerosi interventi previsti per il rione, perché finalmente sta per avere inizio la fase di ultima definizione e avvio operativo del progetto di riqualificazione del giardino di piazza Vittorio, perché la tanto attesa delibera per la riqualificazione di via Carlo Alberto è stata approvata da Roma Capitale e quindi risorse economiche pari a  circa 2 milioni di euro sono state rese effettivamente disponibili, la vita dell’Esquilino prosegue con i suoi ritmi intensi ed impegnativi.

Non c’è che dire, periodicamente, nel bene e nel male, sull’Esquilino si concentra l’attenzione di molti, anzi di moltissimi. Il nostro rione, per mille motivi, non ultimo quello di essere la zona del centro storico di Roma in cui si concentra la maggiore presenza di popolazioni provenienti da etnie differenti, perché è vicino alla stazione Termini, perché ogni giorno è attraversato da migliaia di persone e mezzi di trasporto, perché storicamente è sempre stato la “frontiera” con la zona sud est della città, perché ospita un mercato famoso e frequentato da tutta la città, ma anche perché è urbanisticamente unico e architettonicamente bello, perché vanta la presenza di ben tre Basiliche cristiane, una quantità di istituti scolastici di ogni ordine e grado, una sede universitaria, e così via dicendo, è un catalizzatore di attenzione, energie, idee e, ovviamente, problemi.

Andiamo a periodi, a fasi alterne, dalla segnalazione a volte ossessiva delle emergenze e delle criticità, dalle proteste su tutto quello che non va, si passa periodicamente a vere e proprie raffiche di annunci, nuove idee, nuovi progetti, piani speciali che potrebbero creare nuove opportunità e migliorare la qualità della vita di tutti.

D’altra parte sono tanti coloro che – ci riferiamo ad amministratori locali, a singoli cittadini, singoli commercianti e imprenditori, artisti, professionisti, associazioni e comitati, gruppi organizzati o meno, ma pure presenti ed attivi, a realtà locali impegnate in ambito sociale, nell’educazione e nello sport per i ragazzi, nell’accoglienza dei meno fortunati, nella creazione di opportunità di dialogo e di impegno civico - con grande competenza, senso della realtà e tanto lavoro quotidiano, proposte e progettazioni condivise, competenti e partecipate, realizzazione di iniziative di “avanguardia” sociale e culturale, si sono fatti carico, da anni e senza sosta, di cucire, ricucire, inventare quello che non c’era, innovare i metodi e identificare soluzioni possibili e a portata di mano.

Continuare questo lavoro, ciascuno per la sua parte e con la propria specifica responsabilità, ma in collegamento costante e con obiettivi comuni, può rappresentare la via migliore, perché qualunque intervento futuro, anche importante, venga realizzato tenendo conto della miriade di competenze ed energie presenti nel rione, del punto di vista di chi ci vive, ci lavora, ci opera e ne conosce – oltre i titoli di cronaca – gli effettivi punti deboli e le effettive potenzialità.

Vi ricordiamo, infine, che sabato 14 febbraio EsquiliNotizie e'entrato nel suo 7° anno di vita.

BISTROT AL POSTO MAGAZZINI, SI PENSA A RESTYLING ESQUILINO

Rendere il cuore dell'Esquilino, quartiere multietnico della Capitale, un luogo vivibile e sicuro. E trasformare piazza Vittorio in un 'melting pot enogastronomicò, facendo 'riviverè i portici con ristoranti dove turisti e romani potranno mangiare dalla carbonara al sushi fino al riso basmati. Dopo l'Sos lanciato qualche settimana fa dal regista premio Oscar Paolo Sorrentino il Campidoglio è al lavoro sulla riqualificazione dell'area. Si pensa non solo al restyling della piazza, con più illuminazione e nuovo arredo urbano, ma anche alla possibilità di favorire la trasformazione dei negozi-magazzini in ristoranti o altre attività. «Il tema vero - spiega l'assessore ai Lavori Pubblici di Roma Capitale Maurizio Pucci - è quello di ampliare la partecipazione dei cittadini al progetto complessivo di riqualificazione che non può essere solo il restyling della piazza. Serve una vera e propria partecipazione inclusiva non solo alla progettazione ma anche la gestione. Penso ad esempio alla cura della piazza o all'utilizzo di alcuni beni come la casetta ora utilizzata da Ama che potrebbe essere data alle associazioni del quartiere. Questo aiuterebbe a far diventare quel luogo socialmente vivibile. È un progetto difficile e nei prossimi giorni faremo riunioni su riunioni». «Cambieremo le luci e ci sarà più illuminazione. E poi vanno rimessi a posto i portici - aggiunge - Quella piazza deve vivere. Penso ad una piazza multietnica dove convivono mondi e cibi diversi. Piazza Vittorio può essere un esempio di integrazione di convivenza urbana. Possiamo favorire sicuramente attraverso l'amministrazione alcuni adeguamenti dal punto di vista delle attività commerciali. Non per forza quei locali devono essere magazzini ma possono diventare negozi di vendita al dettaglio e ristoranti. I luoghi vissuti sono i luoghi dove la sicurezza è maggiore». Proprio il 26 gennaio scorso Paolo Sorrentino, regista de 'La Grande Bellezza che abita da anni nella zona di piazza Vittorio, aveva avuto un incontro con il sindaco Ignazio Marino per discutere della riqualificazione della zona, del rifacimento dei grandi giardini della piazza - per i quali esiste già un progetto -, di contingentamento delle attività commerciali e di lotta al degrado. Pochi giorni fa invece l'assemblea capitolina ha dato l'ok alla delibera che prevede la rimodulazione del programma di riqualificazione urbana dell'Esquilino: 'salvatì circa due milioni di euro destinati a dare un nuovo look al quartiere multietnico di Roma - si pensa a riqualificare l'ex cinema Apollo, i giardini di piazza Vittorio nonchè a rifare strade e marciapiedi. E non solo. Oggi l'assessore Pucci ha svelato un'altra idea su cui si sta lavorando in Campidoglio: trasformare via Merulana in boulevard. «Stiamo lavorando molto con l'assessore al Commercio Marta Leonori - annuncia - per fare quest'operazione in cui i commercianti di assumono il compito di posizionare e curare l'arredo urbano. L'obiettivo è trasformarla da via a boulevard Merulana».
Fonte: ANSA 28 2015-02-08 18:27:00 di Davide Muscillo

  ESQUILINO, LETTERA AL PREFETTO E RACCOLTA FIRME CONTRO LE NUOVE SALE GIOCHI

di LUCA MONACO
«Basta sale scommesse all’Esquilino». La presidente della commissione Commercio del I municipio Stefania Di Serio lancia l’allarme sull’invasione delle sale slot nel rione e invia una lettera aperta a tutte le autorità cittadine.  La preoccupazione è condivisa anche dal minisindaco Sabrina Alfonsi. «Perché solo nel quadrilatero tra via Cairoli, piazza Vittorio, viale Manzoni e via Mecenate – denunciano -  si contano più di cinque sale e altre due sono in procinto di aprire in via Lamarmora e in via Bixio.  Il problema è costituito dal fatto che anche nei casi in cui il municipio nega le autorizzazioni, la questura invece le concede: ciò non fa che ingigantire la microcriminalità nella zona». Intanto i residenti hanno avviato una raccolta firme.
La lettera. «L’Esquilino – si legge nella lettera inviata al prefetto, al questore, al presidente della Regione e al sindaco -  è tra le zone di Roma che più risentono di una crisi economica che ha inciso pesantemente sulla condizione individuale di molti soggetti, che si sono ritrovati di colpo sospinti in condizioni di marginalità. Da tempo si registra l’aumento del numero di donne e di uomini che dormono stabilmente sotto i portici di piazza Vittorio, in evidente situazione di disagio. È in aumento anche il consumo di alcool su strada e i fenomeni di spaccio più o meno improvvisato. Ed è proprio intorno ai luoghi del gioco d’azzardo che si organizza la microcriminalità dei furti, degli scippi e dell’usura, ma anche della criminalità organizzata»
Il municipio. «Il I municipio - recita ancora la missiva sottoscritta anche dal consigliere Davide Curcio - ha approvato un risoluzione sulla problematica della ludopatia e ha intensificato i controlli, grazie ai quali si è riusciti a bloccare in un primo momento l’apertura della sala scommesse di via Lamarmora, dove sono stati registrati abusi edilizi. Eppure – assicurano Curcio e Di Serio - i titolari hanno poi ottenuto comunque l’autorizzazione dalla questura. Alla luce di questo, chiediamo una rapida revisione dalla normativa in materia, se necessario ricorrendo anche ad apposite ordinanze per arginare il fenomeno».
Il manifesto per la legalità. «Siamo molto preoccupati – aggiunge la presidente del i municipio Sabrina Alfonsi – perché non si possono certo escludere le connessioni tra queste attività e la criminalità organizzata. A tal proposito nel dicembre 2013 abbiamo approvato una risoluzione per l’adesione del municipio al manifesto dei sindaci per la legalità e contro il gioco d’azzardo. Abbiamo intensificato i controlli che ci competono e nonostante continuiamo a negare le autorizzazioni alle nuove sale scommesse, la questura invece le concede. Il che concorre ad aumentare i fenomeni di illegalità in un territorio già duramente provato».
I residenti. «La situazione peggiora di giorno in giorno – sottolinea il farmacista di piazza Vittorio – In via Lamarmora nel dicembre scorso le forze dell’ordine hanno chiuso un bar di proprietà cinese che era frequentato abitualmente da delinquenti di ogni tipo, ma non è cambiato nulla. Continuano a esserci spaccio e ricettazione, con controlli inefficaci. Consentire l’apertura della nuova sala scommesse sarebbe come dare il colpo di grazia alla vivibilità del quartiere».

LA RIQUALIFICAZIONE DEL GIARDINO DI PIAZZA VITTORIO E IL PIANO DI GESTIONE PARTECIPATO

La progettazione preliminare è ormai quasi terminata e per il mese di marzo sarà convocata dall’Assessorato ai LLPP, insieme all’Assessorato Ambiente, al I Municipio Roma Centro, presenti il FAI, il Comitato Piazza Vittorio Partecipata, Cittadinanzattiva Lazio e tutte le realtà che hanno aderito e collaborato alla sua redazione, l’assemblea di presentazione pubblica al rione e alla città.

Il Tavolo tecnico coordinato dal SIMU – Dipartimento XII, istituito a seguito del protocollo di intesa siglato nello scorso mese di giugno, ha infatti sostanzialmente concluso le sue attività preliminari e propedeutiche alla progettazione esecutiva delle opere e degli interventi.

I tempi sono quindi maturi anche per la predisposizione del Piano di gestione del giardino, finanziato dal FAI nell’ambito dell’iniziativa de I LUOGHI DEL CUORE. Si tratta di un documento operativo che rappresenta una novità quasi assoluta nel panorama cittadino, e nel quale, a partire dal nuovo assetto del giardino, dalla sua storia, dalla sua vita reale, verranno indicate le regole per la manutenzione ordinaria e straordinaria del verde, degli spazi e dei servizi, per il loro corretto uso, per il controllo e la prevenzione dei luoghi, per la raccolta dei rifiuti, per la corretta informazione agli operatori e ai cittadini. E molto altro.. Torneremo presto a parlare di questo strumento partecipato.

Stride, in questo positivo, inclusivo e civile contesto, che fa sperare che le opere di riqualificazione possano mantenere ed ampliare la propria portata nel tempo che verrà dopo la loro realizzazione, la constatazione della discutibile qualità degli ultimi lavori effettuati sul lato Oviesse della carreggiata di Piazza Vittorio. Con le ultime piogge si è verificato quello che era purtroppo prevedibile: le caditoie, ridotte a pochi centimetri, per la precisione da 12 a 4) non hanno retto l’impatto dell’acqua (è inverno, ovviamente piove e ovviamente le caditoie dovrebbero stare lì apposta per garantire il deflusso), e la strada è diventata una palude.

Su questo ed altro (il riposizionamento dei sampietrini, gli attraversamenti pedonali, ecc.) il CPVP ha scritto all’assessore ai LLPP di Roma Capitale che, sull’insieme degli interventi per Piazza Vittorio, ha fissato un incontro a breve.

Vi terremo informati sugli sviluppi di tutte le iniziative per la piazza ed il giardino.

 
INAUGURAZIONE SEDE SLOOW FOOD A ROMA

Vi aspettiamo per brindare insieme nella nuova casa di Slow food a Roma
sabato 14 febbraio, in via Petrarca - dalle 16 - merenda slow e giochi chiocciolati per i più piccoli
- dalle 18 - festeggiamo con il cibo e il vino buono pulito e giusto, un pianoforte e tanta voglia di stare insieme

IL 1 MARZO NUOVO APPUNTAMENTO RETAKE ESQUILINO
>
> Il presente messaggio per informarvi che il giorno 1 marzo alle ore 9.00 il Gruppo Retake Roma San Giovanni-Esquilino ha organizzato un nuovo Retake dei Portici di Piazza Vittorio in collaborazione con AMA e PICS. Chi può ed è interessato è invitato a partecipare.

NOT FOR TOURIST ROME –

INFO&PRENOTAZIONI
Tel: 0689021630
Cell: 3283657078 - 3493977945
info@notfortouristrome.com

Not For All s.r.l.
Via Arezzo, 1 - 00161 - Roma
tel. (+39) 06.89021630
cell. (+39) 328.3657078
WWW.NOTFORTOURISTROME.COM

EOS CULTURA, DALL’ESQUILINO ALLA CITTA'
Passeggiate romane: dal Colosseo al Campidoglio

Domenica 22 febbraio, ore 10.00
Domenica 15 marzo, ore 16.30

La Basilica di S. Croce in Gerusalemme e i resti archeologici che la circondano: l’Anfiteatro Castrense, il Circo Variano, la Domus Sessoriana e la Casa di età imperiale attribuita ad Aufidia Cornelia Valentilla con i suoi affreschi, Visita guidata con permesso speciale
Sabato 7 marzo, ore 9.00

Passeggiate romane: l’Esquilino
  Sabato 7 marzo, ore 15.00

Passeggiate romane. Roma nel Medioevo: il colle Celio
Sabato 14 marzo, ore 15.3

Ricordiamo che ci si iscrive all’associazione la prima volta che si partecipa ad una iniziativa. Si ricorda a coloro che sono già soci che è obbligatorio portare sempre la tessera dell’associazione quando si partecipa ad una iniziativa; se qualcuno l’ha persa è pregato di richiedere un duplicato (è gratuito). La prenotazione è obbligatoria. Per prenotare una visita guidata telefonare o inviare un sms oppure un’email indicando il nome, il numero dei partecipanti e un numero di cellulare per poter essere avvertiti in caso di contrattempi e aspettare la conferma della prenotazione. Le visite guidate si confermano con un minimo di 10 partecipanti.  EOS ha convenzioni con: Librerie Feltrinelli, IBS Internet Bookshop, Librerie Arion, Carta Interclub Servizi.

Per informazioni e prenotazioni: eos@eoscultura.it    prenotazioni@eoscultura.it   info@eoscultura.it                                                              tel. 06-86907230  -  349 6732734 (se non ricevete risposta lasciate un messaggio o inviate un sms e sarete ricontattati)
L’Associazione Culturale EOS è su facebook:
https://it-it.facebook.com/pages/Associazione-Culturale-EOS/100236220106214
Per informazioni: eos@eoscultura.it  tel. 349 67324

TRAleVOLTE

L'associazione culturale TRAleVOLTE favorisce il dialogo tra arte e architettura.
Ciò nella convinzione che sia necessario e attuale ricreare un proficuo scambio dialettico, pur nell'autonomia disciplinare,
tra artisti, architetti e altri operatori culturali per superare la tendenza al solipsismo e al tecnicismo e per riportare al centro del dibattito culturale l'uomo e l'ambiente.
C'è anche la convinzione che l'arte e l'architettura possano contribuire alla costruzione della civiltà, a creare legame tra  i gruppi e i popoli e così migliorare le relazioni umane.
L'associazione ha iniziato l'attività con lo scopo di aprire un dialogo tra artisti e architetti sulle relazioni fra arte e architettura.
Nello studio SALA2 Architettura, ormai ventennale, in Roma a Piazza di Porta San Giovanni, 10,
si sono susseguiti gli artisti invitati che, giocando sulle caratteristiche dello spazio, hanno realizzano il loro intervento.
Infatti, nello studio di architettura, situato nel complesso edilizio della Scala Santa, ha avuto luogo l'interazione fra l'artista  (la sua poetica, le sue prassi operative) e lo spazio.

FILMINCONTRO 2015  -  DA GRECAM
Il ciclo di Filmincontro che vi proponiamo quest’anno traccia una linea tonda, come un cerchio.
Concatenati l’uno all’altro, i film raccontano un viaggio, con tante tappe diverse.
Partiamo da un orizzonte lontano per poi avvicinarci ai nostri confini.
All’inizio bambini, a chiudere altri bambini, tutti con i loro sogni, desideri, speranze di futuro.                 In mezzo le storie, tante storie, e tante domande.
Chi siamo, da dove proveniamo? Chi è l’altro diverso da noi? Non fermiamoci alle apparenze. Cerchiamo le nostre radici…            Ha inizio un viaggio.
Alcuni bambini da diverse zone del mondo lanciano i loro desideri nell’universo                
Jackson, Zahira, Carlito e Samuel, sono i protagonisti del film documentario Vado a scuola di Pascal Plisson. In questo primo film la storia di quattro bambini che, in diversi angoli del mondo, inseguono a tutti i costi il loro desiderio di imparare, di andare a scuola.

ESQUISCONTO

Verrà applicato uno sconto oppure donato un omaggio agli iscritti al gruppo facebook “Sei dell’Esquilino se…”. 
“L’idea è quella di incentivare gli Esquilini all'acquisto "a km0" o quasi... presso gli esercizi del nostro rione senza doversi spostare troppo e permettendo al tempo stesso la scoperta di attività commerciali, di professionisti o artigiani. 

Presentatevi (prima di far battere lo scontrino) a nome del gruppo e richiedete lo sconto oppure, se avete la stampante, potete scaricare il coupon che trovate sempre qui nei documenti”.

DA PAROLINCONTRO
incontreremo il 26 marzo lo scrittore   FABIO STASSI
di cui leggeremo il libro
Come un respiro interrotto (Sellerio)
In preparazione cominciano perciò i gruppi di lettura:
Lunedì 9 ore 18: scuola Di Donato, via Bixio 85
Mercoledì 11 ore 16.30: Punto Einaudi Merulana, l.go S.Alfonso 3 

Il gruppo di Villa Lais si accorda direttamente con la responsabile Franca Loredana Fucili
seguiteci su
parolincontro/facebook

GENERATOR HOSTEL ARRIVA ALL’ESQUILINO

264 ospiti e 80 stanze, sette piani, una bella terrazza, ristoranti e bar. In un edificio novecentesco che già ospita un albergo e che in questi giorni ha iniziato a smantellare. Già molti blog internazionali che si occupano di hotellerie si chiedono come mai qualcuno investa su un quartiere, scrivono proprio così, “pieno di borseggiatori”. E invece è successo, sebbene ci voglia davvero un grande coraggio: Generator, la catena di ostelli di design più in crescita del momento, apre all’Esquilino, a Via Principe Amedeo, al posto dell’hotel Ambra Palace.

Nel deprimente panorama dell’hotellerie romana è un segnale di novità interessante, anche perché gli ostelli Generator sono famosi per grandi vittorie nei concorsi internazionali di design visto che gli interni sono curati dall’agenzia di Toronto The Design Agency. Generator ha acquisito la property all’Esquilino nell’agosto del 2013, ma i lavori sono iniziati solo in queste prime settimane di 2015. La riapertura potrebbe verificarsi alla fine di marzo. Ma finché non vediamo non crediamo: ci pare, infatti, davvero incredibile che una catena così importante (sebbene di hotel low cost) si prenda la briga di aprire nell’abisso di degrado in cui versa Via Principe Amedeo. Vedremo. E speriamo che, semmai, questa apertura porti un rilancio della strada e di tutta l’area.

(fonte: degradoesquilino.com)
EsquiliNotizie del 13 febbraio 2015
A cura di Emma Amiconi

Perché l'Esquilino è il rione più bello di Roma!

Per scriverci: esquilinonotizie@gmail.com

sito www.esquilinotizie.org (dove trovate tutti i numeri arretrati del notiziario, archiviati per annualità, dal 2009 in poi).

Nessun commento: