Le donne cambiano la storia, cambiamo i libri di storia

22 aprile 2013

La libertà di espressione deve essere tutelata, anche e soprattutto nell'arte.

Sosteniamo l'artista turco Fazil Say, celebre pianista e compositore, che è stato condannato per un reato di opinione religiosa in in Turchia, Repubblica che nata laica si va sempre più islamizzando nel senso più integralista del termine.



Processo in Tribunale sul caso del celebre compositore turco, il pianista Fazil Say,  concluso con la sua condanna al carcere.
Il processo relativo al  preteso comportamento blasfemo e bestemmiatore intentato contro Fazil Say, il celebre compositore e pianista turco, da parte della Corte Penale 19 ° di Istanbul con l'accusa di aver condiviso la quartina di Omer Hayyam sul suo account Twitter si è concluso con la decisione del tribunale di condannarlo a 10 mesi di reclusione, ma di concedergli  una ammenda. Il caso era stato rinviato al 15 aprile 2013.

Per quanto riguarda la decisione, Fazil Say ha dichiarato: "Mi dispiace per la decisione della Corte, sia  per me che per il mio paese. Sono estremamente deluso delle restrizioni alla libertà di pensiero e di espressione. Il fatto che sono stato accusato e condannato pur essendo del tutto innocente è allarmante non solo a livello personale ma in termini di libertà di espressione e di fede in Turchia. "


















 L' MPF(*) di Francia, ha espresso il suo pieno sostegno per l'artista.

(*)  l'MPF è l'Associazione dei musulmani progressisti di Francia, rete cittadina di nuova creazione, il cui obiettivo primario è quello di organizzare uno spazio cittadino per il dialogo, di riflessione e di scambio su questioni relative all' Islam, poiché sostengono che la seconda religione monoteista del mondo ha la tolleranza come uno dei valori cardinali. La libertà di espressione, tra cui le battute umoristiche o anche di cattivo gusto, è una libertà fondamentale in democrazia e comprende il diritto di bestemmiare.





Nessun commento: