Le donne cambiano la storia, cambiamo i libri di storia

7 giugno 2011

Sequestrata Amina Abdallah, autrice del blog "A gay girl in Damascus"

http://www.infoaut.org/blog/conflitti-globali/item/1731-sequestrata-amina-abdallah-autrice-del-blog-a-gay-girl-in-damascus

Ciò che temevo è accaduto
 Dobbiamo mobilitarci per lei e per tutti coloro che in Siria si trovano nella stessa situazione orribile.

queste sono le ultime notizie che ho raccolto dal suo blog, che ora viene aggiornato da suo cugino, probabilmente a rischio anche lui
 spero che potremo aiutarli
alba

Aggiornamento su Amina
Sono stato al telefono con i suoi genitori e tutto ciò che possiamo dire ora è che lei non c'è. Suo padre sta disperatamente cercando di scoprire dove si trova e chi l'ha presa.

Purtroppo ci sono almeno 18 formazioni diverse forze di polizia in Siria, nonché molteplici milizie di diversi partiti e bande. Non sappiamo chi l'ha presa e così non sappiamo a chi chiedere per riaverla indietro. E 'possibile che essi la deportino con la forza.
Da altri membri della famiglia che sono stati imprigionati , noi crediamo che lei è probabile sia liberata abbastanza presto. Se volevano ucciderla, lo avrebbero già fatto.

Questo è ciò che siamo tutti pregando.

Io posto tutti gli aggiornamenti non appena ho notizie.
Pubblicato da Rania a 22:48


Amina
http://damascusgaygirl.blogspot.com/2011/06/amina.html

Cari
amici di Amina,

Sono il cugino di Amina Araf Abdallah Al Omari e ho le seguenti informazioni da condividere.

Proprio oggi, a circa 6:00 pm ora di Damasco, Amina stava passeggiando nella zona della stazione degli autobus abbaside, Fares vicino a Al Khouri Street. Era andata a incontrare una persona coinvolta con il locale comitato di coordinamento ed era  accompagnata da un amico.

Amina ha detto all'amico che sarebbe andata avanti e si sono separati. Amina aveva visto, apparentemente, la persona che doveva incontrare. Tuttavia, mentre il suo compagno era ancora lì vicino, Amina è stata sequestrato da tre uomini di circa vent'anni. Secondo il testimone (che non vuole render nota la sua identità), gli uomini erano armati. Amina ha colpito uno di loro e ha detto all'amico di andare a cercare suo padre.

Uno degli uomini poi ha messo la mano sulla bocca di Amina e l' ha spinta in un  Dacia Logan
rosso con una vetrofania di Basilea Assad. Il testimone non è riuscito a prendere  il numero di targa. Loro sono andati subito via e hanno incontrato il padre di Amina.

Gli uomini vengono considerati membri di uno dei servizi di sicurezza o le milizie del partito Baath. Attuale sede di Amina è sconosciuta e non è chiaro se lei è in un carcere o è detenuta altrove a Damasco.

Ho appena parlato con il padre che sta cercando di localizzare dove si trova. Lui mi ha chiesto di condividere queste informazioni con i suoi contatti, nella speranza che qualcuno possa conoscere la sua sorte e in modo che lei possa essere presto rilasciato.

Se lei si trova ora in custodia, egli non si preoccupa più di rimanere in clandestinità e dice che farà tutto il possibile per liberarla. Se qualcuno sa qualcosa che la riguardi; si prega di contattare Abdallah al Omari a casa sua o per favore scriva a me, Rania Ismail, a onepathtogod at gmail punto com.

Speriamo che lei sia semplicemente in carcere e non le sia
successo niente di peggio.. Amina mi aveva mandato diversi testi di post scritti in anticipo, prevedendo che sarebbe potuto accaderle  qualcosa e noi aspetteremo fino a quando abbiamo parola definitiva prima di renderli pubblici.

saluti,

Rania O. Ismail



Nessun commento: