Le donne cambiano la storia, cambiamo i libri di storia

6 giugno 2011

da Amina - A Gay Girl in Damascus- ANOTHER DAY IN DAMASCUS

5 June 2011

UN ALTRO GIORNO a DAMASCO

Beh, abbiamo avuto una gran paura, ma qui sembra che siamo tornati a esser collegati, internet è scomparso praticamente in tutto il paese per un giorno ed è tornato ieri. Prima di postare di nuovo, avevo bisogno di essere certa della sicurezza (oltre a dare la massima priorità a coloro che avevano più bisogno di me nell'utilizzo di Internet!) Ed eccomi qui ...

A mio parere sempre umile,  il fatto di spegnere il collegamento internet con l'esterno significa che il regime è alla disperazione, ma stanno cominciando a sentire davvero quanto sono caduti in basso. Io non sono l'unica che pensa che non sarà in grado di venir fuori da questa situazione. Tuttavia, i giorni e le settimane ei mesi a venire non saranno semplici. Sappiamo che ci faranno arretrare il più possibile e oltretutto vi sono elementi che preferiscono trascinare la struttura della nostra società sempre più in basso per consegnare il potere a chiunque altro.

Lo stop di Internet non gli è riuscito, perché, si sono resi conto, che così facendo  ammettevano che stavano perdendo e sempre più disperati. La Siria non è più un paese isolato dal mondo e dove possono fare come vogliono. No, quando hanno chiuso internet, hanno affrontato le ire non solo dei dissidenti e degli oppositori, ma di tutti i siriani coinvolti in affari. I mercanti che si affidano alla vendita con carte di credito, i finanzieri e gli esportatori, tutti sono stati messi contro un muro. E se il regime vuole perdere i suoi ultimi pezzi del sostegno al di là di clan, tribù, e setta, queste sono le persone che non si possono alienare. Sono riusciti in soli pochi mesi ad alienarsi quasi tutti gli altri, non può più.permetterselo

Hanno dovuto smettere di essere inflessibili e intransigenti, hanno dovuto smettere di non rendersi conto che i tempi sono cambiati. Che il loro epitaffio sarà , hanno perso perché non potevano cambiare.

Pensavano che i metodi usati nel passato fossero ancora validi. Negli anni passati, i regimi siriani sono stati perennemente preoccupati delle cospirazioni che hanno lavorato per promuovere un colpo di stato. Tali tipi di complotti - e ce ne sono stati molti in quei giorni - sono stati formati all'interno del paese ma avevano richiesto aiuto dall'esterno. A volte, hanno cercato aiuto ad Amman o Baghdad, altre volte più lontano. Gli anni dall'indipendenza fino al trionfo del partito Baath sono un caleidoscopio di cospirazioni come: Baathis, nazionalisti siriani, pro-hashemiti, comunisti, e di ogni sapore cercato e trovato qui a volte è anche riuscito. La CIA si è vantata di tirare fuori un colpo di stato a Damasco; altri pure l'l'anno cercato di fare. E, quando il leone di Qardaha ha preso il potere nelle sue zampe, ha fatto in modo che il regime fosse forte contro colpi di stato,  dentro come  fuori del regime. Anche ora, questo modo di pensare persiste, ci sono i partiti che non sono stati invitati a Antalya e la cui presenza non era la benvenuta che ancora insistono su quel modello: Rifaat & Son, Khaddam, Ghadry, tutti e tre privilegiano il modello per cui che la strada del potere a Damasco si trova nell' aver controllato gli sponsor stranieri e con qualche proiettile ben piazzato , senza pensare che il fatto che 2 su  3 di questi qui disprezzano più che mai ciò che sono stati Hafez e Bashar  (e il terzo non può che rivendicare gloria riflessa). Ma già sono gli uomini di ieri, più ancora che questo regime.

Il regime ha cercato prove sulla teoria del complotto straniero di questa rivoluzione: ha fallito per il semplice motivo che non è vero. Sì, abbiamo sostenitori e amici fuori, ma loro sono così sordi danon riuscire  a sentire quello che dice quasi ognuno di noi ? Vogliamo una Siria libera e indipendente; noi rifiutiamo l'intervento straniero, persiano o israeliano, russo o americano.

Hanno provato con altre teorie, che ci sia una cospirazione salafita per creare uno stato islamico un po 'più prudenti dell' Emirato afghano o del regno Najdi. E ci chiediamo, ma questi non conoscono nemmeno il proprio popolo? L' Islam siriano non è mai stato così. Ma, anche se fosse, non ci sono prove. Vogliono affermare che l'opposizione si è  ricostruita del 1982, sotto la guida segreta di Ikhwaan (e tutti i creduloni di Bin Laden (nota personale: evitare commenti ironici, come che UBL e BHA sono parenti)) ma che sbaglia l'azione, troppo. La Fratellanza qui, come in Egitto e Tunisia, non è una forza in movimento preponderante ed è solo uno dei molti partiti che cercando di estendrsi e recuperare consensi. Al Qaeda - beh,  così è dal 2001! - ha più il sostegno del Wisconsin di quanto non l'abbia qui ... in altre parole, nessuno.

Quindi tutte le oro strategie non sono riuscite perché non capiscono cosa sia successo. Le radici di questa rivoluzione non si trovano in carenza di pane o nella siccità, non è da ricercarsi in cassette audio di sermoni o in celle segrete ... no, le radici della menzogna della rivoluzione sono in qualcosa di completamente diverso, qualcosa che si potrebbe anche dare un po ' credito al regime per averlo causato:

Una volta, queste terre erano piene di contadini analfabeti e nomadi e le scuole erano solo nelle città. Le cose sono cambiate. Le nuove generazioni sono nate e cresciute numerose. Ora, la metà di tutti i siriani sono meno di venti (anche se il tasso di natalità è costantemente in calo, abbiamo ancora l'effetto del baby boom massiccio nella mia classe di età) e praticamente tutti al di sopra 5 o 6 sono andati a scuola, sono in grado di leggere e scrivere, conoscono l'aritmetica, e così via e così via. Nemmeno un anno fa, se ricordo, il regime era orgoglioso di annunciare che l'analfabetismo era stato completamente eliminato nella prima provincia, il che, avrebbero dovuto saperlo, è stato il momento in cui questa rivoluzione è diventata inevitabile.

Una nazione che non era più ignorante e dove tutti, ricchi e poveri, sapevano che c'erano altri modi di governance e che, in altre terre, le cose andavano meglio, non poteva sempre essere tenuto oppresso. Essi devono avere visto i segni che stavano mostrandosi per un lungo periodo di tempo, il ritorno all'Islam è stato un primo sintomo, perché, quando un popolo impara per la prima volta a leggere, il primo libro che vogliono leggere è la loro propria Scrittura . E, quando la gente legge la Scrittura da sé, siano essi musulmani o cristiani, senza la interpretazione del sacerdote o dell'imam, inizierà a formare da sé le proprie idee. Ed essi si ribelleranno contro i despoti.

Ma non ci si è accorti ... e abbiamo mantenuto l'apprendimento e reso ribollente la nostra privazione. I nuovi media ci hanno dato sempre di più finestre sul mondo, mi ricordo dell'arrivare a Damasco e vedere i DVD dei film appena usciti in vendita in strada  il giorno stesso che avevo lasciato gli Stati Uniti. Sono aggiornati con Doctor Who e Game of Thrones, in grado di guardare qui (senza spoiler!)

I Siriani hanno sempre viaggiato e fatto scambi e si sono stabilì in tutto il mondo: in epoca romana, gli espatriati siriani aprirono un negozio sotto il Vallo di Adriano e la nostra presenza ha eccitato Henri Pirenne a formare la sua tesi. Ora, poiché molti siriani sono di casa  nella diaspora e non c'è una famiglia nel paese che non ha un membro nel Golfo, in Europa, in Australia o nelle Americhe. Quellio che sono rimasti a casa, anche loro, hanno raggiunto e 'visto' il mondo virtuale. Non siamo più murati fuori dal mondo.

E quello è il luogo di provenienza della rivoluzione. Nessun complotto, nessun complotto diabolico, ma il lento accumularsi di rancori e di umiliazioni e di un popolo che aveva superato i suoi governanti. Stavamo ancora dormendo, ma a malapena. E una scintilla era tutto ciò che era necessario per risvegliarci. Bouazizi per prima ha acceso la scintilla che ha infiammato il mondo arabo. Ora, non è né il 1982, il 1958 e nemmeno il 1925. Non è l'Arabia del 1968 o 1989. E 'molto più grande di quello. Vuoi una analogia  storica scherzosa? Per le dimensioni, paragonalo al 1848 e alla Primavera di Redux Nazioni.Allora i governanti hanno accusato Massoni e simili e non potevano capire che l'età dei re e degli imperatori era finita, che una nuova era faceva capolino. Noi ci siamo e ci stiamo muovendo molto velocemente; il vecchio mondo sta crollando e uno nuovo è iniziato ...

Ma vogliono ricacciarci indietro. Uccidono, torturano. Io personalmente dubito che hanno davvero ventimila uomini armati su cui possono effettivamente contare, il resto sono o consegnati in caserma,o si stanno sciogliendo e abbandoneranno se saranno spinti troppo in là. Lo sanno, lo sappiamo. Stanno perdendo e non può esserci che sferza di qui fino alla fine.

Ma è tutt'altro che finita, il mondo ha visto quello che hanno fatto di Hamza al Khatib e sappiamo che ci potrebbe essere la prossima. Ora, abbiamo dei rituali che facciamo prima della preghiera del Venerdì, nuovi riti di abluzione. Continuo a tenere le mie unghie tagliate più corte di quanto non sia mai stato per non essere catturata e cercano di farci riemergere fuori. Aboliti gli anelli alle unghie dei piedi di mio padre per la stessa ragione e noi ci tingiamo i capelli a vicenda. Scrivo il mio nome, i miei numeri di identità e numeri di telefono sul mio braccio ogni Venerdì. E così mio padre. Io glie li scrivo in inglese e in arabo sulla schiena e sul petto, lui fa lo stesso con me. Sì, è strano ... ma è la sicurezza. Perché, se io sono morta o quel che è, prima che mi lavino e mi avvolgano in un lenzuolo, mi piacerebbe che qualcuno sapesse chi ero e lo dice al mondo. Oppure, se finiamo in fosse comuni, quando ci dissotterreranno, qualcuno potrà dire  'questo è quello che è stato di loro'.

Spero di star sprecando il mio tempo con questo; spero di aver sprecato il mio tempo in cerca di inchiostri che siano difficili da lavare via. Spero che sia qualcosa di cui presto potrò ridere.

Ma non posso essere sicura. Oggi o domani potrebbe essere l'ultimo per me, o, domani potrebbe essere il primo giorno della nuova Siria. Ben Ali è andato, Mubarak è andato, Saleh, dicono, è andato pure. Assad non ne ha molto di più  e ho intenzione di vederlo andare via.

Siamo andati a nord, e ho contribuito a diffondere scintille, nelle città della pianura e dalle sponde del fiume Oronte, abbiamo ascoltato e abbiamo mandato messaggi. Alcuni sono stati inviati al di là di questa terra, altri sono arrivati qui, a loro volta. E abbiamo sentito parlare di frustrazione: siamo stati oppressi così a lungo, dicevano, e ci uccidono e siamo sul punto di morire .... Perché non prendere la situazione nelle nostre mani e far loro sapere? Prendiamo le armi che sono sepolti, usiamo le bombe e facciamo giustizia rivoluzionaria.

Io sono contraria a tutto questo: vogliamo una nuova Siria, uno stop a tutto ciò che è venuto prima. Se vogliamo prendere il potere uccidendo e torturando, se facciamo giustizia sommaria e seguiamo il loro esempio, in cosa siamo diversi? Tutto ciò che avremo fatto sarà il cambio della Tribù di Leone con un'altra tribù, e nulla sarà mutato, niente sarà diverso, tranne chi è che stupra la terra e chi viene sbattuto giù. No, non dobbiamo.

Alcune persone dicono che bisogna combattere il fuoco con il fuoco: no, si combatte il fuoco con l'acqua, non con il fuoco. Contrapporremo agli odi ciechi dei settari non il nostro  settarismo, ma l'amore e la solidarietà. Dobbiamo ricordarci. Dobbiamo ricordare che, per rovesciare questo regime, non si deve sostituire il settarismo Alawi-Aflaqi con un settarismo nostro. Non dobbiamo semplicemente cambiare i nomi sulle porte dei ministeri, dobbiamo ricostruire l' intera società.

E ho paura, storie di linciaggi già hanno cominciato a venir fuori. Quanto tempo ci resta ancora? Ogni giorno che passa in questo modo vede sempre più la rabbia contro il regime, più richieste di giustizia e nessuna risposta Se fossi in loro, mi piacerebbe realizzare questo. Non si può andare avanti in questo modo; perderanno, forse domani, forse il mese prossimo, ma, quando la ruota gira, altri nomi verranno pronunciati nelle preghiere e tutti loro saranno morti o fuggiti ... se non interrompono presto, ci saranno oceani di vendetta e fiumi di sangue versato quando lo faranno. Per il loro bene, per la loro parenti e quelli della loro setta, hanno bisogno di farsi da parte, mentre c'è ancora speranza per loro. Siamo un popolo che perdona, una nazione ospitale, e con un cuore grande, noi ancora gli possiamo erdonare i loro crimini ... ma oramai siamo anche una nazione di memoria lunga. E siamo sempre più impazienti.

Se ne devono andare, se ne devono andare al più presto. Questo è tutto quello che c'è da dire.

Nessun commento: