Le donne cambiano la storia, cambiamo i libri di storia

20 novembre 2008

Newsletter del 18 novembre 2008

Come un fulmine a ciel sereno è arrivata oggi la critica di Hassan Mekki, noto studioso sudanese che partecipa ad un forum della società islamica al Cairo, a Secondo Protocollo con l'accusa (nemmeno tanto velata) di essere colluso con “poteri dello Stato Israeliano”. Nella fattispecie Mekki ci accusa di gonfiare le cifre del censimento in Sud Sudan allo scopo di truccare il prossimo referendum che dovrà decidere sulla separazione del Sud Sudan dal Sudan. La nostra risposta la si può trovare a questo indirizzo, una risposta inoltrata anche alle autorità sud sudanesi. Naturalmente il lavoro che portiamo avanti in Sud Sudan in merito al censimento è un lavoro pulito e garantito e comunque la nostra organizzazione non è collusa con nessun Stato. L'attacco di Mekki è indirizzato unicamente a compromettere la prossima consultazione referendaria in Sud Sudan cercando di insinuare dubbi sull'operato di chi effettua il censimento e quindi sui risultati finali.
Non sono ancora stati risolti tutti i problemi derivati dall'ultimo attacco che abbiamo subito per cui anche questa settimana non possiamo mettere i link a tutti gli articoli pubblicati. Teniamo però particolarmente ad evidenziare la nostra campagna per la riforma delle Nazioni Unite che ha visto la nascita anche di un gruppo su Facebook il quale si allarga ogni giorno. Chi volesse aderire o firmare la petizione online è pregato di farlo.
Dalla prossima settimana contiamo di riprendere la regolare emissione della newsletter settimanale.

Nessun commento: