Le donne cambiano la storia, cambiamo i libri di storia

20 novembre 2008

Campagna internazionale per la riforma delle Nazioni Unite

International Campaign for UN reform

firmate e fate firmare!
italian version
Campagna internazionale per la riforma delle Nazioni Unite

Da molti anni si parla di fare una riforma delle Nazioni Unite che renda il più importante organo mondiale più snello e più incisivo nelle sue decisioni. Purtroppo gli ultimi eventi in Africa e in Asia dimostrano che le Nazioni Unite sono assolutamente inutili e non incisive. Considerando che ogni anno le nazioni Unite costano a tutto il mondo miliardi di dollari senza però avere alcun ritorno in fatto di risultati apprezzabili, si fa impellente una radicale riforma delle Nazioni Unite che possa consentire a questo importante organo mondiale di deliberare prima e agire poi. Il gioco dei veti incrociati attualmente in atto al palazzo di vetro rende questo organo assolutamente inutile. Ne abbiamo dimostrazioni lampanti nelle attuali crisi in Darfur, in Congo, in Myanmar e in tanti altri contesti di crisi, dal Medio Oriente all'America Latina. Chiediamo quindi: 1)che venga abolito il sistema di veto che attualmente rende inutile qualsiasi decisione di intervento che leda gli interessi degli stati membri con diritto di veto (Cina, Stati Uniti, Russia, Francia e Gran Bretagna) 2)che venga istituito in seno al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite un sistema di votazione delle risoluzioni e degli interventi a maggioranza del 50% più 1 3)l'immediato scioglimento di tutte quelle agenzie che attualmente non servono a niente ma che in ogni caso costano milioni di dollari ogni anno 4)Un nuovo sistema di rotazione degli Stati Membri del Consiglio di sicurezza che renda tale rotazione un veicolo per lo sviluppo e non un ostacolo allo stesso. In pratica si chiede che il Consiglio di Sicurezza sia composto per ogni rotazione dal 50% dei cosiddetti Stati Sviluppati e dal rimanente 50% da Paesi in via di Sviluppo senza però Stati permanenti, abbinando cioè la rotazione anche a quegli Stati attualmente presenti in modo permanente all'interno del Consiglio di Sicurezza (Cina, Stati Uniti, Russia, Francia e Gran Bretagna) 5)che venga potenziato il peacekeeping group in seno alle Nazioni Unite dando allo stesso maggiori poteri che gli permettano un immediato intervento nelle situazioni di crisi 6)che vengano immediatamente cancellate tutte le inutili campagne che costano milioni di dollari e alla fine risultano essere assolutamente inutili 7)che vengano immediatamente ridotti gli stipendi e le agevolazioni dei dirigenti e dipendenti Onu i quali attualmente, senza colpo ferire, percepiscono stipendi da nababbo se proporzionati agli obbiettivi raggiunti
Sincerely,
The Undersigned

Nessun commento: