Le donne cambiano la storia, cambiamo i libri di storia

25 novembre 2017

Come riconoscere un ictus cerebrale.

I medici dell'Ospedale Molinette di Torino sostengono che saper riconoscere tempestivamente i segnali di un ICTUS CEREBRALE in una persona  e avviarla subito in ospedale può salvarle la vita.

Vediamo come fare con un esempio: durante una grigliata Federica cade. Qualcuno vuole chiamare l'ambulanza ma Federica rialzandosi dice di essere inciampata con le scarpe nuove. Siccome è pallida e tremante la
aiutiamo a rialzarsi e Federica trascorre il resto della serata serena ed in allegria. Ma il marito di Federica mi telefona la sera stessa dicendomi che è ricoverata in ospedale e verso le 23.00 mi richiama per dirmi che Federica è deceduta.
Perchè Federica ha avuto un'ictus cerebrale durante la grigliata e, se gli amici avessero saputo riconoscerne i segni, Federica  sarebbe ancora viva.

La maggior parte delle persone colpite da ictus non muore immediatamente e i neurologi sostengono che se si riesce ad intervenire entro tre ore dall'attacco si può porvi rimedio.
La questione è riconoscere per tempo l'ictus  cioè riuscire a diagnosticarlo e portare il paziente entro tre ore in terapia. Non è facile ma di può.

Ecco in 4 punti  le indicazioni per riconoscere se qualcuno ha in corso un'ictus cerebrale:

1* Chiedete alla persona di sorridere (non ce la farà);

2 * Chiedete alla persona di pronunciare una frase completa (esempio:
oggi è una bella giornata) e non ce la farà;

3 * Chiedete alla persona di alzare le braccia (non ce la farà o ci riuscirà solo parzialmente);

4 * Chiedete alla persona di mostrarvi la lingua (se la lingua è gonfia o la muove solo lateralmente è un segno di allarme).
Nel caso anche di uno solo di questi sintomi chiama SUBITO il Pronto Soccorso e descrivi la situazione  chiedendo il suo intervento.

L'ictus  si può combattere...e vincere.

Nessun commento: