Le donne cambiano la storia, cambiamo i libri di storia

1 giugno 2017

Che cosa significa GENOCIDIO

Scrive Pier Paolo Portinaro, in un importante volume da poco edito da Laterza: «Nel corso della storia il genocidio è sempre stato accompagnato da sostanziale indifferenza. La grande massa dei genocidi è sprofondata nell'oblio, si può dire che appartenga alla falda sommersa della storia universale». Questa verità, semplice ma insieme sconvolgente, non fa eccezione oggi. È anzi la cosa che più mi ha colpito e spronato, quando ho iniziato il mio lavoro sulla minoranza yazida, intervistando Nadia Murad, la celebre attivista e candidata al Nobel per la pace. Solitudine, frustrazione, disincanto, rabbia – saranno una costante nelle decine di interviste che ho fatto a politici yazidi, attivisti, sopravvissuti e gente comune. La speranza, quasi messianica, di una salvezza e di un riscatto che giungano da Occidente, ma anche e soprattutto la paura e la diffidenza che la fanno da padrone su tutto. La difficoltà di raccontare questa tragedia troppo prossima, narrata quasi sempre al plurale, in un 'noi' a tratti epico, ma che a volte si rivela solo un espediente per evitare di mettere in ballo la memoria personale e il proprio io. Per non far riemergere le violenze subite e il sentimento di impotenza che ne deriva.

--
W le differenze - W la parità di diritti e doveri
abbasso la falsità e l'ipocrisia
abbasso le omologazioni egualitariste
condividi le informazioni e le esperienze
http://albamontori.blogspot.com



Nessun commento: