Le donne cambiano la storia, cambiamo i libri di storia

25 novembre 2015

Le vittime di terrorismo non sono tutte uguali per la stampa italica

IN 2 MESI 22 LE VITTIME ISRAELIANE DEL TERRORISMO PALESTINESE: 22 UOMINI E DONNE DIMENTICATI, UCCISI UNA SECONDA VOLTA DAI MEDIA ITALIANI
Solo negli ultimi due mesi sono morti 22 israeliani per mano del terrorismo palestinese, l'ultima ragazza aveva 21 anni. La vittima più giovane aveva 18 anni, mentre la più anziana 78 anni. Un bollettino sconvolgente per un paese civile e occidentale come Israele, per il quale la morte è e continua ad essere considerata una tragedia e non una cultura. Nel nostri telegiornali però, nei nostri quotidiani, continuiamo a leggere di "morti palestinesi", mentre le vittime israeliane scompaiono in qualche angolo degli articoli o dei servizi. Si continua con l'ignobile pratica di evidenziare le uccisioni dei terroristi ponendole sullo stesso piano delle morti delle vittime, o addirittura in evidenza rispetto a queste. Scrivere "morto un palestinese" non specificando che si tratta di un terrorista e ponendo la notizia in primo piano rispetto all'attentato compiuto ai danni di uno o più israeliani non è solo pessima informazione, è una pratica infame
...>>
LEGGI E COMMENTA SULLA PAGINA FACEBOOK di PROGETTO DREYFUS

Nessun commento: