Le donne cambiano la storia, cambiamo i libri di storia

23 ottobre 2014

SU FONDI STRUTTURALI UE CONTINUA OMISSIONE TEMATICHE LGBTI CONTRO REGOLAMENTI COMUNITARI

FONDI STRUTTURALI UE: CONTINUA L’OMISSIONE DELLE TEMATICHE LGBTI IN CONTRASTO AI REGOLAMENTI COMUNITARI.
Il GOVERNO SI RAVVEDA E L'UE INTERVENGA URGENTEMENTE.

Leggiamo preoccupati che nella bozza di PON Inclusione sociale (lo strumento operativo con il quale il Governo utilizza il FSE in questa materia ) le iniziative per la prevenzione, contrasto e assistenza delle vittime di discriminazione basate su orientamento sessuale e identità di genere sono state completamente omesse.

Definirsi preoccupati è poco di fronte al grave pericolo che nella prossima programmazione (ovvero gli unici fondi reali a disposizione dello Stato e delle Regioni per intervenire nella lotta contro le discriminazioni e a favore dell’inclusione sociale) sia di fatto reso impossibile l’accesso a queste risorse, anche minime, per il reinserimento di persone gay lesbiche e transessuali a rischio di esclusione dal mondo del lavoro e della socialità in generale.

Tutto ciò accade contro l’evidenza dei fatti, le indagini ISTAT e le richieste esplicite dell’Unione europea.
L’assenza di questo tema segue l'assenza, da noi ampiamente denunciata nel passato, di queste tematiche anche dall’Accordo di Partenariato tra Stato e UE sull’utilizzo di tutti i fondi strutturali.

Il meccanismo è lo stesso: citare orientamento sessuale e identità di genere nell’ambito delle iniziative intraprese, sostanzialmente per rispettare il vincolo della condizionalità, ma non prevedere nulla di specifico nell’ambito delle iniziative concrete e dei finanziamenti.
Questo meccanismo, lo ricordiamo, non potrà cancellare le precise indicazioni contenute nei Regolamenti comunitari, ma renderà di fatto molto difficile l’accesso a queste risorse per interventi in queste aree, sia da parte del Governo che da parte delle Regioni.

Non possiamo non evidenziare, infine, lo scarso ruolo dell’UNAR entro lo stesso PON - Inclusione sociale, ed in tutta la programmazione futura dei fondi strutturali, che getta ancora più dubbi sulla reale capacità di incidere e operare di questo Ufficio su temi, come quelli dell’inclusione sociale, per i quali  è stato creato.
Su tutte queste questioni il Ministro Poletti non ha mai non solo risposto alla richiesta di incontro che le associazioni italiane lgbti hanno avanzato, ma nemmeno fornito chiarimenti e risposte.

Torniamo a sollecitare al Ministro e al Sottosegretaria Biondelli un incontro, ma soprattutto di procedere alle opportune integrazioni all’Accordo di Partenariato.
In questo contesto ci sembrerebbe auspicabile anche l'intervento della neo-consigliera alle Pari Opportunità on. Giovanna Martelli.

Chiediamo infine con forza un intervento dell’Unione Europea in sede di valutazione del PON Inclusione sociale.

Fiorenzo Gimelli - AGEDO
Marco Canale - ANDOS
Flavio Romani - Arcigay
Paola Brandolini - ArciLesbica
Yuri Guaiana - Associazione Radicale Certi Diritti
Aurelio Mancuso - Equality Italia
Giuseppina La Delfa - Famiglie Arcobaleno

Nessun commento: