Le donne cambiano la storia, cambiamo i libri di storia

1 luglio 2014

Eutanasia: il mondo si muove, la politica italiana si nasconde e tace


Newsletter quindicinale su temi bioetici e diritti civili
Numero 60 - 1 luglio 2014
a cura di Carlo Troilo
Eutanasia: il mondo si muove, la politica italiana si nasconde e tace


Mentre in Italia la politica continua ad ignorare il problema, l’eutanasia è all'ordine del giorno della discussione politica in molti Paesi. La notizia principale è la decisione del Consiglio di Stato francese che consente di lasciar morire Vincent Lambert (un caso famoso come quello di Terry Schiavo negli USA). La Corte Europea dei Diritti dell’Uomo ha sospeso la validità della sentenza ma solo per il tempo necessario ad esprimere un giudizio nel merito. A seguito della decisione del Consiglio di Stato e della vasta eco avuta nel Paese, il presidente Hollande ha incaricato il deputato Leonetti (cui si deve la legge sul “laisser mourir”) di presentare al Parlamento nuove misure per il fine vita. Altra notizia dalla Francia: il tribunale di Pau ha assolto, fra gli applausi del pubblico, un medico che aveva aiutato attivamente a morire sette malati terminali e per questo era stato espulso dall’Ordine. Sono tutte in favore della eutanasia anche le notizie che vengono dagli USA: un sondaggio Gallup dimostra che una larga maggioranza degli americani è favorevole a che i medici aiutino a morire “con misure indolore” i malati terminali (ma questa maggioranza si riduce al 58% se si parla esplicitamente di “aiuti al suicidio”). E comunque dal 1990 il numero degli americani favorevole alla death with dignity è aumentato del 10% e nello Stato di Washington nel 2013 i casi di eutanasia sono cresciuti del 43%. Anche in Israele il governo sta emanando una legge che autorizza l’aiuto al suicidio per i malati con meno di sei mesi di vita, malgrado le dure proteste dei leader religiosi. E in Inghilterra il Parlamento continua a discutere la legge di Lord Falconer sull’ eutanasia.

In Italia passa inosservata la giornata mondiale della lotta contro la droga, benché i radicali denuncino, cifre alla mano, i gravi danni derivanti dal proibizionismo e lamentino il silenzio di Renzi in materia. Parla invece, come al solito, il Papa, per dichiarare guerra a tutte le droghe, anche quelle leggere. Ma non era un Papa progressista? Aspettiamo per capirlo il Sinodo per la famiglia di ottobre, che sembra annunciare novità positive su molti temi bioetici.

Infine, onore al merito dell’ Associazione Luca Coscioni che ottiene (Mina Welby in testa) l’istituzione a Roma del registro dei testamenti biologici e, sempre a Roma, la condanna dell’ATAC per le barriere e per la mancanza di personale che impediscono l’uso di molti mezzi pubblici ai disabili (e con l’ATAC, anche del Comune che non vigila sulla sua società di trasporti). 





SUPERATE LE MILLE ISCRIZIONI
Situazione delle iscrizioni all'associazione Luca Coscioni:
1.012 iscritti (e 1.588 contribuenti non iscritti), dei quali 84 iscritti tra docenti e ricercatori universitari, 71 medici, 33 avvocati, 22 giornalisti, 10 parlamentari.



Notizie dall'Italia
 Approfondisci
Notizie dal mondo
 Approfondisci
"Maratoneta"
Riascolta l'ultima puntata della nostra trasmissione
 Riascolta
Iscrizioni 2014

S ostienici
5x1000
Anche per il 2014 puoi donarci il tuo 5x1000
Maggiori in formazioni



Associazione Luca Coscioni
Via di Torre Argentina 76 - 00186 Roma
Tel. 0668979286, Fax.  0623327248

Nessun commento: