Le donne cambiano la storia, cambiamo i libri di storia

14 novembre 2011

Francia.Termine di prescrizione da 3 mesi a 1 anno per reati relativi a omofobia, sessismo e disabilità.

video               

Comunicato stampa della Federazione LGBT
Angers, Lunedi, November 14, 2011

GIUSTIZIA
OMOFOBIA
Sessismo
HANDICAP
Prescrizione

==================================================
 La FEDERAZIONE  LGBT
richiede al governo  uguaglianza totale per le vittime nel diritto penale.
Ampliamento del termine di prescrizione da 3 mesi a 1 anno per ingiurie e reati relativi all'omofobia, al sessismo e alla disabilità.
==================================================

I termini della questione

Nel diritto penale, il termine di prescrizione, oltre la
durata del quale l'azione penale non è più attivabile, è fattore di disuguaglianza tra le vittime. Di soli 3 mesi per reati lesbofobici e omofobi, la prescrizione è di un anno per i reati razzisti, antisemiti e religiosi.
Il 9 marzo 2004, la legge Perben II "per l'adeguamento del sistema giudiziario ai cambiamenti di crimine", ha allungato i termini di prescrizione
, da 3 mesi a 1 anno, per le lesioni a causa dell'origine, l'etnia, la nazionalità, la razza o la religione. Il ministro della Giustizia ha giustificato il principio fondamentale di questa misura con il fatto che Internet era diventato un vettore molto importante di questi crimini, e che si dovrebbe concedere più tempo per le vittime dei diritti umani per intraprendere azioni legali.
Nel dicembre 2004, in occasione della legge che istituisce la Halde fine, i deputati UMP non hanno affatto applicato tale giusto ragionamento nell'indicare i reati, pubblici o no, di insulto, diffamazione e incitamento alla discriminazione, all'odio, alla violenza, a causa dell'orientamento sessuale, del genere e della disabilità. Questi nuovi reati, con prescrizione di soli 3 mesi, ma sanzioni identiche a quelle per insulti razzisti e antisemiti, avrebbe completato il dispositivo della legge sulla stampa del 29 luglio 1881.
Mentre il termine di prescrizione di un anno
, come stabilito nel dicembre 2004, non è messo in discussione dal governo, è oggi ancora più significativo in relazione all'omofobia, pe cui l'aumento nella prescrizione da 3 mesi a 1 anno deve essere applicato per anche per gli insulti omofobici, sessisti, e quelli relativi alla disabilità, .


Nessuna gerarchia nella discriminazione
La Federazione LGBT denuncia la disuguaglianza penale che colpisce
le persone con criteri di discriminazione applicati alla loro situazione di vittime di abusi. Stabilire di fatto una gerarchia tra forme di discriminazione  è una situazione  inaccettabile.

Per le disuguaglianze subite dalle vittime e dalle associazioni LGBT che li assistono, bisogna essere quattro volte più vigili sull'applicazione della legge della non-discriminazione da parte dei pubblici ministeri e dei tribunali, rispetto alle vittime e le loro controparti nel campo del razzismo e della l'antisemitismo. Un anno fa,
il caso dell'aggressione Sexion ha perfettamente illustrati i limiti di un termine di prescrizione troppo breve.

All'interno della Federazione LGBT, la costante esperienza sul campo in materia penale ha spinto uno dei nostri membri, ADHEOS, il Centro LGBT di La Rochelle, Saintes, a sensibilizzare i suoi deputati su questo tema. Catherine Quéré, deputato PS della Charente-Maritime, ha elaborato un disegno di legge, riprendendo la domanda presentata da Noël Mamère, Yves Cochet, Anny Poursinoff e François de Rugy, nel marzo del 2011, basato sul lavoro di Mécary Caroline, per l'Europa Ecologie, i Verdi, ma mai discusso.

Il testo scritto da Catherine Quéré prevede l'eliminazione della discriminazione nei  termini di prescrizione previsti dalla legge sulla libertà di stampa del 29 luglio 1881. La Federazione accoglie con favore l'approccio universalista LGBT e si associa pienamente, perché andrà a beneficio sia omosessuale (SW), sia delle persone con disabilità e delle donne. La Federazione prende atto che le lesbiche LGBT sono doppiamente discriminate, come donne prima, poi ancora a causa del loro orientamento sessuale.

La FEDERAZIONE LGBT ricorda con forza che l'identità di genere non è ancora un criterio di discriminazione riconosciuto per legge e soltanto il criterio del sesso permette attualmente alle persone trans-identitarie di essere protette. La Federazione LGBT esprime il suo attaccamento speciale alla lotta contro il sessismo è come il cuore di questo disegno di legge comporti benefici sia per  le donne che per le persone trans.

Libertà di espressione e garanzia della libertà di stampa
In un'audizione di Catherine Quéré il 26 ottobre, la Federazione LGBT si è espressa a favore di questo disegno di legge. La Federazione
LGBT ha sostenuto che  in particolare la libertà di espressione e la libertà di stampa sarebbero pienamente garantite, con l'estensione nel diritto penale come già è da 7 anni nella lotta contro il razzismo.

Il 9 novembre, nella Commissione per gli affari culturali dell'Assemblea nazionale, nonostante l'opposizione del governo, deputati dell'UMP non hanno preso parte alla votazione, non volendo votare contro questo disegno di legge di carattere universalista. Sarà discusso nella riunione del 17 novembre  nel quadro di un gruppo parlamentare ristretto
per l'Assemblea Nazionale  socialista, radicale, e diversi cittadini a sinistra, e votato il 22 novembre.

La Federazione LGBT chiede al governo di non opporsi al testo e chiedere ai membri di votare per l'UMP di eliminare le discriminazioni all'interno di discriminazione. La Federazione
LGBT chiede a Michel Mercier, ministro della Giustizia, di sostenere questa estensione necessaria per l'uguaglianza di tutti i cittadini davanti alla giustizia.

La Federazione LGBT
, a pochi mesi dalle elezioni presidenziali e legislative ricorda a tutti i membri che se si assumono la responsabilità di votare contro di essa, torneranno a votare per mantenere la disuguaglianza di fronte alla legge degli omosessuali (i) s, delle donne e delle persone con disabilità, e ciò non sarebbe senza conseguenze per il futuro.


Nessun commento: