Le donne cambiano la storia, cambiamo i libri di storia

2 ottobre 2011

Il GayPride di Belgrado vietato d'ufficio dalle autorità.

 

DIVIETO GAY PRIDE DI BELGRADO: PAGINA NERA PER LA LIBERTA'. IL DIVIETO DELLE AUTORITA' VIOLA LE PIU' ELEMENTARI REGOLE DEMOCRATICHE DELL'UE E LE RACCOMANDAZIONI DEL CONSIGLIO D'EUROPA DI CUI LA SERBIA FA PARTE.

GLI ORGANIZZATORI INVITATI AL PROSSIMO CONGRESSO DI MILANO DELL'ASSOCIAZIONE RADICALE CERTI DIRITTI

 

Roma, 1 ottobre 2011

 

A poche ore dallo svolgimento del Gay Pride nazionale serbo, che doveva svolgersi domani a Belgrado, le autorità  hanno vietato la manifestazione adducendo ragioni di ordine pubblico, nonostante le rassicurazioni date nelle settimane scorse agli organizzatori. Questo fatto è certamente molto grave e consente ai gruppi clerical-nazional-fascisti di averla vinta con la violenza e le minacce.

 

Esprimiamo al Comitato organizzatore del Gay Pride tutta la nostra solidarietà e vicinanza per questo atto di sopruso, fatto in violazione dei più elementari diritti democratici e di libertà di espressione, sosterremo i ricorsi che il comitato organizzatore ha già preannunciato alla Corte Europea dei Diritti dell'Uomo.  Segnaleremo al Parlamento Europeo quanto avvenuto a Belgrado in queste ore anche perché la Serbia è candidata a divenire membro dell'Unione Europea.

Lo stesso Consiglio d'Europa, di cui la Serbia è membro dal 2003, aveva diffuso nel giugno scorso un rapporto sul rispetto dei diritti civili e umani dei paesi membri chiedendo loro  l'applicazione di 36 raccomandazioni, tra queste quella per l' uguaglianza di tutti i cittadini, la lotta alle discriminazioni su basi giuridiche, per la libertà di espressione, per il diritto di riunione e associazione per le persone Lgbt(e).

L'Associazione Radicale Certi Diritti nel messaggio di solidarietà inviato a Jovanka Todorovick e Goran Miletick, coordinatori del Comitato organizzatore del Gay Pride di Belgrado, ha rivolto loro l'invito a partecipare al prossimo Congresso dell'Associazione Radicale Certi Diritti che si svolgerà a Milano il 3-4 dicembre 2011.


Sergio Rovasio, Segretario Associazione Radicale Certi Diritti


Nessun commento: