Le donne cambiano la storia, cambiamo i libri di storia

29 novembre 2010

Conferenza stampa di Nessuno tocchi Caino e Reprieve

Logo NTC

INVITO

 

NESSUNO TOCCHI CAINO e REPRIEVE

presentano

"COMMERCIO LETALE"
Come un Paese abolizionista collabora alla pratica della pena di morte negli Stati Uniti

 

GIOVEDI' 2 DICEMBRE 2010 – ORE 11
Via di Torre Argentina 76
Roma

Partecipano:

SANDRA BABCOCK, Avvocato, Esperta in casi capitali, USA
JOSEPH MARGULIES, Avvocato, McArthur Justice Center, USA
MAYA FOA, Rappresentante di Reprieve, UK
LIVIA FIRTH, Ambasciatrice di Reprieve contro la pena di morte, UK
OLIVIERO TOSCANI, Fotografo, autore della Campagna "We, on death row"
SERGIO D'ELIA, Segretario di Nessuno tocchi Caino
ELISABETTA ZAMPARUTTI, Deputata Radicale e Tesoriera di Nessuno tocchi Caino
ANGELO BONELLI, Presidente Nazionale Verdi
GIUSEPPE ROSSODIVITA, Avvocato, Partito Radicale

Saranno presenti inoltre difensori di detenuti nel braccio della morte, parlamentari, organizzazioni non governative e artisti impegnati nella campagna per la moratoria universale delle esecuzioni capitali.

Nel corso della Conferenza Stampa verranno presentati il dossier "Commercio Letale" e le iniziative parlamentari, legali e di opinione pubblica in corso in Italia e nel Regno Unito, volte a bloccare l'esportazione negli Stati Uniti del Sodio Tiopentale (Pentotal), il barbiturico presente in tutti i protocolli di iniezione letale dei vari stati americani.

Dopo l'esecuzione in Arizona di Jeffrey Landrigan, avvenuta il 25 ottobre scorso con il farmaco letale importato dal Regno Unito, Reprieve ha intrapreso un'azione legale volta a evitare che il Pentotal britannico sia nuovamente esportato per l'esecuzione di altri detenuti americani.

Analoghe iniziative sono state avviate in Italia, dove la Hospira Spa, una casa farmaceutica con base a Liscate, in provincia di Milano, è stata incaricata dalla casa madre americana, con base a Lake Forrest in Illinois, di produrre il Sodium Thiopental da destinare ai penitenziari americani.

Paesi abolizionisti come Italia e Regno Unito, mentre sono impegnati all'ONU per la Moratoria universale delle esecuzioni capitali, rischiano di rendersi complici della pena di morte negli Stati Uniti dove la carenza di veleno per l'iniezione letale sta determinando una moratoria di fatto delle esecuzioni.

 

Nessuno tocchi Caino
Via di Torre Argentina 76 – Roma



Nessun commento: