Le donne cambiano la storia, cambiamo i libri di storia

1 aprile 2010

UNA STORIA ORRIBILE, CENTINAIA , MIGLIAIA DI STORIE ORRIBILI...

Amita era una dolce bambina di 9 anni che amava la sua famiglia. Un giorno fu rapita, portata in una città lontana e messa in una gabbia. Era costretta a subire rapporti sessuali con dozzine di uomini al giorno, e picchiata brutalmente quando piangeva o si rifiutava.
5 terribili anni dopo, sofferente di malattie veneree, è morta per un pestaggio all'età di 14 anni.

La storia di Amita è uno dei peggiori incubi che si possano immaginare, ma milioni di donne e bambine vengono vendute per esser violentate ogni anno -- uno dei problemi peggiori del nostro mondo di oggi. Il modo più efficace per affrontarlo è di mettere in mostra i mercanti dello stupro e disintegrare i loro profitti. A gennaio i membri di Avaaz hanno votato questa come principale priorità per quest'anno, così abbiamo cominciato a lavorare con team di esperti in tutto il mondo, attivisti locali e investigatori per far smettere questo business brutale e losco.

Ogni minuto che questo problema continua è troppo lungo. Non possiamo riportare indietro Amita, ma ogni minuto due Amita in più sono vendute in una situazione spaventosa.

Nel sondaggio annuale di Avaaz, quasi il 90% della nostra comunità ha votato per affrontare il traffico degli stupri come principale campagna per il 2010. Ecco le azioni che stiamo sviluppando:

* Supporto a un team specializzato in operazioni di adescamento affinché si spaccino come clienti, in collaborazione con rappresentanti della legge locali, per smascherare il traffico degli stupri in una località alla volta, spezzare i circuiti del traffico, liberare le donne e le bambine, e danneggiare i profitti dei trafficanti.
* Svergognare pubblicamente le complicità ufficiali e i politici, in quei paesi in cui la corruzione di funzionari è parte del traffico degli stupri. Le pubblicità possono fare nomi e cognomi, per svergognare i singoli e spingere perché siano cacciati e perseguiti.
* Preparare un giorno di azioni globali fuori dalle case della schiavitù sessuale - mettendo in mostra così i posti, in giro per il mondo, dove le vittime di questo traffico vengono vendute e violentate. Queste violenze scioccanti sono spesso perpetrate nelle stesse strade delle nostre scuole e case.
* Far pressione sui leader eletti per rendere questo scandalo una priorità e utilizzare appieno le risorse dei nostri governi per farlo cessare, fra cui promulgare leggi più efficaci per proteggere e occuparsi delle donne vittime dei traffici degli stupri.
* Creare partnership con gli attivisti impegnati in questo settore, che conoscono a fondo i risvolti della questione, per mettere in mostra le violenze e affrontare i trafficanti.
* Sorvegliare le rotte chiave di questi traffici e bloccare le navi che portano ragazze e donne rapite in porti di transito .
* Andare alla caccia dei trafficanti direttamente, mettendo i loro volti su avvisi di RICERCATO nelle loro comunità.

Email di Avaaz come questa hanno generato donazioni di milioni per cause come quella della Birmania, i cambiamenti sul clima e Haiti. Questo è quello che ci vuole per fermare questi traffici. Non si tratta di quanto doniamo, ma quanti di noi lo fanno. Proprio in questo momento la vita di una ragazza viene trasformata in un indicibile orrore, e possiamo fare qualcosa per impedirlo:

https://secure.avaaz.org/it/fight_rape_trade/?vl

Nei pochi istanti necessari a leggere questa mail abbiamo perso altre 4 ragazze. Non c'è tempo da perdere.

Con speranza e determinazione,

Alice, Raluca, Ricken, Graziela, Paula, Paul, Benjamin, Pascal, Milena e tutto il team Avaaz.

Per maggiori informazioni (in inglese):

BBC sulla schiavitù moderna:
http://news.bbc.co.uk/2/hi/in_depth/world/slavery/default.stm

Fonti per statistiche e ulteriori informazioni sui traffici di vite umane, dall'ufficio ONU sulla Droga e il Crimine:
http://www.unodc.org/unodc/en/human-trafficking/what-is-human-trafficking.html?ref=menuside

Lavoro dell'FBI sul traffico di esseri umani:
http://www.fbi.gov/hq/cid/civilrights/slavery.htm

Consiglio per la Convenzione Europea sulle Azioni contro il Traffico di Esseri Umani:
http://conventions.coe.int/Treaty/Commun/QueVoulezVous.asp?NT=197& CM=1&CL=ENG


Per maggiori informazioni (in italiano):

"Italia: continua la tratta dei minori dall'Est Europa ma anche dall'Africa," Unimondo.org:
http://www.unimondo.org/Notizie/Italia-continua-la-tratta-dei-minori-dall-Est-Europa-ma-anche-dall-Africa

Un recente caso giudiziario in Italia:
http://www.ontheroadonlus.it/index.php?option=com_content&task=blogcategory&id=6&Itemid=9

Nessun commento: