Le donne cambiano la storia, cambiamo i libri di storia

12 maggio 2009

Notizie da AAVAZ sulla cosiddetta febbre suina

Fino ad oggi nessuno non sa se l'infezione HA H1N1 possa causare una pandemia mondiale ma la sua origine sembra tuttavia sempre più evidente: la sua fonte si troverebbe molto probabilmente in un mega-porcile di Veracruz, Messico, proprietà di una società multinazionale americana (1).
Questi mega-porcili sono orribilmente sudici, pericolosi, e le infezioni si moltiplicano rapidamente. Migliaia di maiali ammassati in locali sporchi e nutriti un cocktail di medicine, comportano inevitabilmente problemi sanitari a molti livelli. Questi mega-porcili ed i laghi di letame che creano costituiscono ambienti estremamente propizi allo sviluppo di nuovi virus pericolosi così come lo HA H1N1.

L'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) e l'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'agricoltura e l'alimentazione (FAO) devono iniziare rapidamente ricerche e sviluppare mezzi di controllo su queste aziende agricole per proteggere la salute mondiale.
Le grandi imprese agroalimentari cercheranno di bloccare ogni tentativo di riforma, perciò è necessario levare un grido di protesta che le autorità sanitarie non potranno ignorare.

Firmate la petizione che chiede norme e controlli per le aziende agricole-fabbrica e passate parola ai vostri amici ed ai membri della vostra famiglia.

Manderemo questa petizione alle agenzie dell'ONU. Se raccoglieremo 200.000 firme, andremo a consegnare la petizione a Ginevra con un branco di maiali di cartone. Per ogni migliaia di firme supplementari, aggiungeremo un maiale al branco:


La settimana scorsa, si sentiva parlare soltanto dell'infezione. Il Messico era paralizzato ed i dirigenti ovunque sul pianeta hanno rallentato gli spostamenti per aereo, fermato le importazioni di suino ed iniziato dei controlli drastici per tentare di impedire la propagazione del virus. Poiché la minaccia da allora si è attenuata, la questione dell'origine del virus e della probabilità di una minaccia futura resta prioritaria. Smithfield Co, il più grande produttore di maiale del mondo, una delle cui aziende agricole sarebbe all'origine del virus, nega ogni legame tra i suoi maiali e l'influenza.
Le grandi imprese agroalimentari mondiali pagano profumatamente e massicciamente per sovvenzionare ricerche che affermano che la bio-sicurezza è garantita nelle loro grandi produzioni agricole. Ma, l'OMS afferma da anni che un nuova pandemia è inevitabile (2) ed esperti della Commissione europea e della FAO informano che l'aumento della produzione intensiva di maiale aumenta il rischio di sviluppo e di trasmissione di malattie.
Il centro americano per il controllo e la prevenzione delle malattie sottolinea anche che i ricercatori non conoscono sempre la portata sulla salute umana delle nuove molecole che emergono delle aziende agricole (3). Gli studi sulle condizioni orribili che i maiali subiscono in questi méga-porcili e sull'impatto devastante di queste aziende agricole sull'economia locale piccole Comunità agricole abbondano. Smithfield ha dovuto pagare un'ammenda di 12,6 m ed è attualmente sotto indagine negli Stati Uniti per danni ambientali creati da laghi di liquame porcino tossico (4). Anche con tutte queste prove dei danni causati, la combinazione dell'aumento del consumo di carne mondiale con un'industria potente, motivata dai profitti al prezzo della salute umana, significa che anziché essere chiusi, questi méga-porcili si moltiplicano attorno al mondo grazie a sovvenzioni (5). Nel contesto della influenza attuale, chiediamo il conto ai produttori di maiale industriali. Firmate la petizione che chiede più controlli: http://www.avaaz.org/fr/swine_flu_pandemic

Dobbiamo trovare una soluzione alla crisi sanitaria mondiale attuale rivalutando il nostro consumo e la nostra produzione alimentare. Se chiediamo che siano intraprese con la massima urgenza indagini sull'impatto delle méga-porcilaie sulla nostra salute, saranno attuate norme più rigoroseper la produzione agricola, cosa che potrebbe permetterci di evitare le epidemie future di malattie che trovano la loro origine negli animali dell'industria agroalimentare.

Avec espoir,

Alice, Pascal, Graziela, Paul, Brett, Ben, Ricken, Iain, Paula, Luis, Raj, Margaret, Taren et toute l’équipe d’ Avaaz

(1)Rapport de bio-surveillance retraçant la maladie vers une ferme de Smithfield (tous les rapports sont en anglais):
http://biosurveillance.typepad.com/biosurveillance/2009/04/swine-flu-in-mexico-timeline-of-events.html

Rapports sur le lien entre la méga-porcherie mexicaine et la grippe : http://www.independent.co.uk/life-style/health-and-wellbeing/health-news/for-la-gloria-the-stench-of-blame-is-from-pig-factories-1675809.html

http://www.latimes.com/features/health/la-fg-mexico-flu28-2009apr28, 0,1701782.story

http://www.scientificamerican.com/podcast/episode.cfm?id=can-swine-flu-be-blamed-on-industri-09-05-01

http://www.newscientist.com/article/mg20227063.800-swine-flu-the-predictable-pandemic.html?full=true

(2)Information de l’OMS sur la pandémie:
http://www.euro.who.int/influenza/20080618_19

(3)Rapports de la FAO, CE et CDC sur les risques de la production agro-alimentaire industrielle sur la santé publique:
FAO
CIWF
www.cdc.gov/cafos/about.htm

(4)Rapport sur la santé animale et les dommages environnementaux de Smithfield: http//:www.independent.co.uk/life-style/health-and-wellbeing/health-news/for-la-gloria-the-stench-of-blame-is-from-pig-factories-1675809.html

http://www.foodandwaterwatch.org/press/releases/new-report-highlights-the-trouble-with-smithfield-article03132008

http://avaazimages.s3.amazonaws.com/SmithfieldJan08.pdf

(5)Rapports sur les payeurs de taxes britanniques qui subventionnent les fermes-usine:
http://www.telegraph.co.uk/earth/agriculture/farming/5225298/Taxpayers-forking-out-700-million-for-factory-farming-in-England.html


da AAVAZ https://secure.avaaz.org/fr/swine_flu_pandemic/

Nessun commento: